sabato, Luglio 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Zana dalla A per Almeida

Di Joao Almeida A. Dopo la sua impressionante vittoria al Monte Bandone, sembrava che stesse per lottare per la maglia rosa di questo Giro, ma è caduto nel tratto finale ed era relativamente lontano da Roglic e Thomas. Tuttavia, ha lasciato l’Italia con la sua prima vittoria in un torneo importante e il suo primo podio. Potrebbero esserci altre cose negli anni a venire, ma se non aumenta il suo status, è difficile augurargli un grande successo in futuro.

Di David Bice B. Il ciclista EOLO-Kometa ha giustificato la sua carriera sportiva vincendo il Gran Sasso e, guarda caso, ha chiuso l’anno alla sua squadra alla ricerca di un nuovo sponsor importante per il 2024. Il suo successo aiuterà senza dubbio molto nella ricerca di nuovi investitori.

C. a Magnus Court. L’anno scorso ha resistito, ma quest’anno è caduto. Il danese ha conquistato la vittoria a Viareggio per entrare nel club dei grandi. Delle sue sei tappe alla Vuelta e due al Tour, ora può aggiungerne una al Giro, conquistata sotto la pioggia e il freddo in una dura giornata sulle rive dell’Adriatico.

D per Niko Tens. Se un mese fa ci avessero detto che questo ciclista della BORA-hansgrohe avrebbe vinto due tappe al Giro, nessuno ci avrebbe creduto, a cominciare da lui. Il tedesco, buon ciclista di squadra, ha mostrato notevoli doti fisiche e un olfatto stupendo che lo hanno portato alla vittoria, due frazioni nelle giornate di media montagna, a Cassano Magnaco ea Rivoli.

Di Remco Evenepoel e. Ha monopolizzato tutti i riflettori durante la prima parte del Giro, ma il Covid-19 lo ha rimandato a casa poche ore dopo la vittoria di Sessena nella cronometro. Non avremo mai una risposta su cosa sarebbe successo se il campione del mondo non si fosse ritirato, ma nessuno dubita che questo Giro sarebbe stato una gara molto divertente. ritornare.

READ  L'inflazione in Italia è scesa al 9,1% su base annua a febbraio, secondo EFE

F per Groupama-FDJ. Un importante membro del Giro della squadra francese ha indossato la maglia rosa in diverse tappe insieme a un veterano Pinot (il cui ritiro dovrebbe essere riconsiderato) e Bruno Armirile, il primo ciclista francese a farlo nel 21° secolo. Verrà presto detto.

G di Derek Key. Il ciclista di questo Giro. Il canadese, corridore anonimo fino a poche settimane fa, ha lasciato l’Italia con quattro secondi posti, due quarti e un secondo sia nella classifica a punti che in quella delle montagne. Era uno dei più grandi cheerleader delle corse, e il suo coraggio e il suo grande carisma gli hanno fatto guadagnare l’applauso e la simpatia dei fan dove purtroppo mancavano l’ambizione e l’attacco.

H sta per Ben Healy. Arriva a questo Giro con una primavera molto significativa alle spalle, e in queste tre settimane ha confermato quello che stava dimostrando in questi mesi: siamo di fronte a uno dei migliori ciclisti del gruppo. Impossibile non simpatizzare con questo simpatico, carismatico e sorprendente corridore irlandese, che si è spinto attraverso una corsa solitaria di cinquanta chilometri per ottenere la sua prima vittoria in un Grand Tour. Ne arriveranno molti altri.

Sono Israel-Premier Tech. Non hanno vinto, ma hanno fatto un Giro fantastico. Dopo essere stati espulsi dalla categoria World Tour dello scorso anno, sono entrati come gruppo ospite e hanno giustificato la loro presenza; Lottando fin dal primo giorno, sono arrivati ​​vicini alla vittoria con Gee, Clark e Frigo.

J per Jaco Alula. Mathews nella prima settimana e Jana nella terza hanno portato due vittorie di tappa per l’Australia al Giro, che ha incluso anche una sorpresa Eddie Dunbar nella top ten della classifica generale. Rispettano sempre.

K di Sep Gus. Il gregario di Roglik per eccellenza. Ogni volta che lo sloveno ha ottenuto una vittoria importante, lo ha fatto con Gus al suo fianco. Quest’anno ha dovuto salvarsi la vita sul Monte Bandone. Il ciclista che ogni squadra vorrebbe avere nella propria squadra. Amichevole, laborioso e umile, Gus subordina sempre le sue incredibili prestazioni in montagna alle esigenze dei suoi leader. Questo Giro è, in buona parte, suo.

READ  L'Argentina è stata eliminata dalla Nigeria e l'Inghilterra dall'Italia ai Mondiali Under 20

L. dal Monte Lussari. Questa inedita e monumentale tappa di montagna ha decretato il vincitore del Giro. Questo ha reso lo sviluppo della gara molto condizionato in quanto tutti i favoriti risparmiano più energie possibili e cercano di arrivare il prima possibile alla nuova cronometro finale. Sebbene sia difficile per noi vederla regolarmente a causa della sua posizione geografica, questa salita fa già parte della storia della corsa.

m. Il corridore più giovane (22 anni) della Baharin-Victorius ha mostrato una potenza incredibile negli sprint di questo Giro, vincendo la categoria a punti. Ha tutta la sua carriera da giocatore davanti a sé e ha un piano enorme.

Mats Pedersen b. Il campione del mondo 2019, come il suo connazionale Magnus Kort, ha ottenuto la vittoria di cui ha bisogno in questo Giro per entrare a far parte del ristretto club di ciclisti che hanno vinto tre grandi giri. In una giornata in cui Fernando Gaviria era così vicino alla vittoria, lo ha fatto proprio a Napoli con uno sprint mozzafiato in alcune giornate di sole nella prima parte della gara.

R per Primoz Roglic. Il ciclismo gli era debitore. Nel bel mezzo di una scalata a cronometro del Monte Lussari, i fantasmi del passato sono emersi quando Roglik ha avuto un incidente meccanico. Nulla di più falso e il jumbo rider si è rimesso in sesto e si è lanciato verso il traguardo, più furioso che mai per strappare la maglia rosa a Thomas. Ha già vinto quattro Grandi Giri: tre Vuelta a España e un Giro d’Italia. Avrà un ultimo proiettile al Tour de France?

S. al Gran San Bernardo. La maestosa Cima alpina doveva essere la Coppe del Giro, ma il tempo, il morale basso dei ciclisti e la mano morbida dell’organizzazione lo hanno reso ancora una volta un grande Tour (è stato visto l’ultima volta nel Tour de France 2009). Magari la prossima volta. O no.

READ  La Corea è stata espulsa dall'Italia

Geraint Thomas d. La vittoria al Giro era a portata di mano a 37 anni, ma la sua tattica conservativa e uno spettacolare Roglik sul Monte Lusari gli hanno impedito di raggiungere quello che sarebbe stato il degno culmine della sua carriera sportiva. Sembra improbabile che possa avere di nuovo un’altra possibilità come questa, ma chissà con il gallese che si dimostra un vero uomo dentro e fuori dalla moto.

Emirati Arabi Uniti Team U of Emirates La squadra araba è riuscita a vincere questo Giro con tre corridori diversi: Ackermann, McNulty e Almeida, che a Roma è salito sul podio e ha la migliore classifica giovani. Anche se sfugge loro la vittoria nella classifica generale della squadra, gli uomini di Matxin possono essere molto contenti di quanto ottenuto in queste tre settimane. Un gruppo che va oltre Dadej Bhogar.

V. di Carlo Verona. Miglior spagnolo della gara. Nella quinta giornata del Fossombrone, il corridore del Movistar Team è penetrato in diverse cadute per regalare al ciclismo nazionale un vantaggio che è arrivato a palate in questo Giro. Ma la squadra spagnola vinse ancora al Giro quattro anni dopo, con Einar Rubio che vinse alla Grans-Montana. Continua così

Z di Filippo Jana. Poche cose dovrebbero essere più emozionanti per un ciclista italiano che vincere il Giro nel cuore dell’Appennino con la maglia tricolore (Zana campione nazionale). L’uomo di Jaiko-Alula ha fatto un salto di qualità e si è affermato come un eccellente scalatore e uno dei ciclisti più affermati.

Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles