Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Zero de Italia tocca il paradiso di Chicago

Di Mouricio Lopez Rueda

Dopo aver tagliato il traguardo l’italiano è crollato ed è caduto a terra piangendo. La cascata di lacrime gli lavò il viso con il sudore e la polvere della strada, rinfrescandogli il cuore. Giulio Chicone, 27 anni, è diventato il campione del Monte Giro nel 2019, quando ha vinto in vetta al Mortirolo ed è finalmente tornato in vetta alla tappa della Corsa Rosa.Dopo due anni di dolori in bicicletta e familiari, a lui e a sua madre, Silvana, è stata diagnosticata una rara malattia cardiaca dai medici.

Pochi giorni dopo essere diventato campione del Monte Giro, era sul punto di morire nel 2019, quando è stato incoronato dopo aver vinto il titolo in vetta al Mortirolo. Un giorno avrà ali come Pontani. Giulio è corso ad incontrarlo all’ospedale di Roma dove è stato ricoverato, e ha anche messo in dubbio la sua partecipazione al Tour de France perché “la famiglia viene prima, la famiglia è mia madre”.

Silvana si è ripresa ed è tornata a casa sua a Whistle, e ha visto in televisione che suo figlio indossava un abito giallo al sesto piano della Grande Bougainville nella Blanche des Belles Filles. Quel giorno Giulio pianse incontrollabilmente pensando a sua madre.

Nel 2020 la donna si ammalò di nuovo e la notizia fu così devastante che Giulio scese dal Giro il 14 e si recò a Roma per prendersi cura di lei. La tappa successiva è stata la 15a tappa, conclusasi a Biancavallo in Friuli, ma Julio, favorito di questa difficile giornata collinare, ha voluto non partire.

Due anni fa, quando sembrava che la sua vita non avesse limiti, gli italiani lo accettarono come un eterno idolo, insieme a Pontani, Moser, Bardali e Kopi, Un medico gli ha diagnosticato un’insufficienza cardiaca, una condizione che gli avrebbe impedito di andare in bicicletta.

READ  Pechino sorprende l'Italia battendo gli USA nel curling maschile nel 2022

Giulio si bloccò. Nelle grandi gare non ha mai più brillato né sorvolato le vette più alte delle Alpi o dei Pirenei. Da questa domenica il suo spirito non sembrava essersi affievolito e non ha resistito fino al traguardo quando ha raggiunto la sua bici verso il Gran Paraiso nel centro della Valle d’Asta. Ha tenuto un concerto di pedalata di 98 chilometri, tutti in aereo, di cui 20 da solo.

Esistenza colombiana

La giovane promessa del Bahrain, il colombiano Santiago Porto Rico, ha avuto la maggior parte della strada. E ha avuto una storia all’Asta perché è diventato famoso nel mondo nel 2019 quando si è classificato sesto assoluto al Giro del Valle de Asta. Il gruppo comprendeva anche Antonio Pedro, Hugh Karthi e Martign Dusvelt. Dopo uno sprint intermedio a Polin, il gruppo ha dato loro carta bianca e il divario è cresciuto fino a quando è diventato un compito impossibile dargli la caccia.

Tra loro e i loro cari c’era una scia di ciclisti, che anche loro hanno cercato di scappare, ma sono rimasti bloccati sulla strada sotto il sole cocente.

L’attacco di Karthi ha causato la disunione nella parte anteriore e ha lasciato il trekking britannico dalla EF con solo Chitone, seguito da Pietroco al suo ritmo. Ma Karthi svenne e continuò a stare solo fino a Giulio Cognay, che, al termine della 15a giornata del Giro 105, non riuscì nemmeno a farsi prendere da Pietro che accelerò il passo ad Aimaville.

Le porte del grande paradiso si aprirono per Chicone nel baldacchino, e il giovane cominciò ad alzare gli occhi al cielo per ringraziare sua madre per essersi ricordato di lui. Era imballato come lo era a Cestola nel 2016 o a Mortiro nel 2019. La gente lo lodava con entusiasmo e condivideva con lui la rabbia di molti anni di siccità ciclica. Il messaggio inciso sull’asfalto è che Chitone è tornato.

READ  Zero de Italia 2021: gli spagnoli partecipano a Zero de Italia 2022

Così lacrime, lacrime di amore infinito le rigarono il viso. Giulio non poteva sopportarlo, e dopo aver preso un profondo respiro ha persino detto scherzosamente: “Sono melodrammatico e romantico come Madonna, motivo per cui condividiamo lo stesso cognome”.

Porto Rico ha preso il secondo posto e ha vinto il premio. Il gruppo ha riconosciuto il suo sforzo con applausi e abbracci, di solito 17 anni, 16 minuti e 20 secondi. Il suo debutto in Corsa Rosa non è stato male. Ovviamente Gustavo e Alpha, i suoi genitori, festeggeranno allegramente a Bogot.

I preferiti non fanno rumore. Percorsero le strade di Asta, senza disturbarsi. Sanno che l’Africa è dietro l’angolo, stato Queen e posizione definita Zero. Per ora Carabas è ancora in testa, ma ha Hindley in sette secondi e Almeida in 30. Il tutto in pochi secondi, in pochi colpi di pedale. Niente è definito nella razza più bella del pianeta.