Volley, 3-1 della Conad Lamezia sulla Gupe Volley Battiati Catania

SAN PIETRO A MAIDA – Costretta ad emigrare a San Pietro a Maida per l’impossibilità dello Sparti di ospitare gare aperte al pubblico la Conad Lamezia lascia solo un set alla Gupe Volley Battiati Catania capace di risultati importanti (uno su tutti il successo su Pozzallo prima dello sosta)e bagna così con un nuovo successo l’avvio del 2018.

Nacci schiera Alfieri in cabina di regia, Spescha opposto, le bande sono Bruno e Del Campo, al centro Alborghetti e Turano, libero è Zito.

Dopo una fase iniziale equilibrata la Conad che riesce a mettere la testa avanti (9-6). Catania però rimonta e grazie ad un ace di Raso compie il sorpasso (10-11). Nacci cambia la diagonale principale inserendo prima Sarpong per Alfieri, poi Gerosa per Spescha. La Conad rimette la testa avanti 16-15 quando Nacci decide di tornare alla formazione iniziale. Un primo tempo di Turano, un attacco fuori di Raso e un attacco di Spescha solo intercettato ma non fermato dal muro avversario valgono un nuovo allungo giallorosso (19-16) con il tecnico siciliano Petrone che chiama time-out. Il massimo vantaggio lametino arriva alla ripresa con l’attacco di capitan Spescha che termina fuori dopo il tocco del muro ospite (20-16). Poi alcuni errori grossolani della Conad permettono a Catania di rifarsi sotto e addirittura di staccare i lametini di 3 lunghezze (20-23). Nacci inserisce Garofalo per Bruno ma il set se lo aggiudica ugualmente Catania (23-25) grazie ad un muro su Del Campo.

C’è Gerosa dall’inizio al rientro in campo per il secondo set. Una doppia di Sergio Petrone regala il primo breack alla Conad (4-2) che poi si lascia però riprendere e superare dai siciliani (6-7), efficacissimi a muro e poco fallosi a dispetto dei lametini che invece sbagliano ancora troppo (al servizio ma anche in attacco e in ricezione). Spescha e Bruno suonano la carica, la Gupe avverte la pressione (12-8). Una palla contestata, la prima della gara, accende gli animi. Si infiamma anche il pubblico presente sugli spalti, un pubblico che nonostante le difficoltà non ha voluto far mancare il suo apparto alla squadra. Il vantaggio maturato viene conservato fino alla fine. Un ace di capitan Spescha permette quindi alla Conad di chiudere in proprio favore il parziale col punteggio di 25-21.

Il terzo set comincia con Garofalo al posto di Del Campo, uscita per un leggero infortunio sul finire si secondo set, per il resto assetto confermato con Gerosa ancora a dettare i tempi di gioco. Prima fase giocata punto a punto fino al turno in battuta di Gerosa ai tre muri consecutivi stampati da Turano che valgono il primo allungo (15-11). Il massimo vantaggio la Conad lo trova grazie a due aces consecutivi di Alborghetti (23-16). C’è gloria anche per Gaetano che mette a terra il puno del 24-17 che regala 7 palle set alla Conad. Gerose spedisce fuori la prima al servisio, Spescha la seconda in attacco ma Petrone sbaglia il servizio chiudendo il parziale sul 25-19.

Il quarto set parte con gli stessi 7 del terzo e con due muri messi giù dalla Conad (Turano e Bruno) che valgono subito il 3-0. Catania perde lucidità e comincia a sbagliare troppo, Spescha e compagni ne approfittano piazzando l’allungo decisivo (13-4). Trova spazio anche Polignino che forza la battuta garantendo alla Conad altri punti facili da mettere in cascina (18-6). Con vittoria ormai in tasca da registrare anche due ace di Bruno. È però un errore in battuta di Testa a valere il 25-12 e una vittoria che permette alla Conad di consolidare la vetta della classifica a due giornate dalla conclusione del girone d’andata.

Tabellino
Conad Lamezia- Gupe Volley Battiati Catania 3-1
23-25, 25-21, 25-19, 25-12

Durata set: 30’, 26’, 24’, 21’

Conad Lamezia: Alfieri 1, Spescha 21, Turano 7, Alborghetti 8, Bruno 14, Del Campo 4, Zito lib. Sarpong, Gerosa, Garofalo 4, Gaetano 1, Polignino 1.

Non entrati: nessuno

Allenatore: Vincenzo Nacci

Gupe Volley Battiati Catania:

Non entrati: Raso A. 7, Petrone S. 4, Bonsignore 14, Raso F. 10, Bertone 4, Saglimbene 7, Trombetta lib, De Costa 2 lib, Petrone D., Zappalà, Testa 2.

Non entrati: Maugeri, Mollica, Scalisi

Allenatore: Fabrizio Petrone

Arbitri: Alessandro Dicerto Taurianova e Antonino Richichi di Vibo Valentia