CasaPound: sosterremo i dipendenti Foderaro

“Non accettiamo più che nel 2012 ci siano aziende che minacciano di licenziamento i loro dipendenti. Basta con i datori di lavoro ‘padre padrone’. Sosterremo in tutto e per tutto i dipendenti ‘Foderaro’ in sciopero per i loro diritti”. A dichiararlo è Mimmo Gianturco dell’associazione di promozione sociale CasaPound Italia. “Da questa mattina (ieri ndr) – afferma Gianturco – abbiamo esposto i nostri striscioni di sostegno agli autisti ‘Foderaro’, che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro, per l’ottusità dell’azienda di trasporti lametina. ‘Il lavoro è un diritto non solo profitto’ e ’30 famiglie cassaintegrate’. Questi gli striscioni affissi da CasaPound Italia a Lamezia Terme, per sostenere i lavoratori in sciopero in piazza Mazzini”. “E’ inammissibile – continua il coordinatore di CPI – che nel 2012 ci siano ancora degli individui che, travestiti da datori di lavoro, sfruttino i loro dipendenti, mortificandoli e minacciandoli di licenziamento qualora non accettino le condizioni poste dall’Azienda. L’azienda in questione ha ridotto progressivamente lo stipendio mensile, con il probabile obiettivo di portarlo sui livelli rumeni o polacchi. Chiediamo all’azienda Foderaro di rispettare i suoi dipendenti”. “I dipendenti Foderaro – conclude Mimmo Gianturco – durante tutto l’anno 2010 hanno di fatto aiutato l’azienda mediante lo strumento del ‘contratto di solidarietà’ versando nelle casse aziendali, circa 300,00 € a testa per ogni mensilità. Nonostante questo, il signor Foderaro continua a far ruotare la cassa integrazione tra tutti i dipendenti minacciandoli ad ogni occasione, logorandoli moralmente. Ci aspichiamo che il Prefetto Reppucci possa già da domani (oggi ndr)possa risolvere nel migliore dei modi questa drammatica situazione”.