Condannate due persone per abusi sessuali

Una ragazzina di Siderno, appartenente a una famiglia disagiata, aveva meno di 14 anni quando ha trovato la forza di raccontare prima alla nonna e poi ai carabinieri della compagnia di Locri di essere stata oggetto delle attenzioni morbose di un uomo che, grazie alla complicità di un’anziana, l’aveva sottoposta ad abusi sessuali. La vicenda è giunta alla fine del percorso processuale con la condanna a dieci anni di reclusione per Rocco Cherubino, 36 anni, e a otto anni per Carmela Quattrone, 70. A carico loro, entrambi reclusi, il Tribunale di Locri ha anche disposto l’interdizione perpetua ai pubblici uffici. In sede di requisitoria il pm aveva chiesto 12 anni per Cherubino e 9 per la Quattrone. Dalle indagini eseguite dai carabinieri di Locri e Siderno era emerso un quadro sconvolgente: la pensionata, peraltro pregiudicata in quanto già con dannata per violenza sessuale pluriaggravata su minori, commessa nel 1999 in concorso col marito Domenico Barranca che sta scontando 14 anni di carcere, dopo aver convinto la ragazzina ad aiutarla nelle faccende domestiche, l’avrebbe spinta tra le grinfie di Cherubino. La ragazzina è ora in affidamento presso una struttura specializzata.