Infocontact, i lavoratori votano all’unanimità la solidarietà. Sarà applicata a tutti in percentuali eque. Sindacati pronti a vigilare

infocontact_400

Percentuale che non sarà uguale per tutti ma “equa”. Questa è la logica seguita all’unisono dalle organizzazioni sindacali che ora ringraziano i lavoratori per «la grande e fattiva partecipazione e per il manifestato profondo senso di responsabilità e attaccamento al lavoro, e continueranno ad incalzare l’azienda per quanto riguarda la ricerca di nuove attività che possa garantire nel medio periodo una uscita da questa situazione di crisi, ritornando alla piena occupazione».

«Vigileremo costantemente e con determinazione sulla corretta applicazione dell’accordo approvato dai lavoratori – tengono poi a sottolineare –  e sfruttando al massimo le commissioni di verifica che l’accordo prevede, speriamo vivamente entro qualche mese di toccare con mano un cambio di passo di questa società, al fine di non rendere vano questo pesante sacrificio inflitto ai lavoratori da una sciagurata gestione economico-finanziaria da parte dell’azienda Infocontact».

Parole dure quelle usate dai sindacati che fanno riferimento ai 23 milioni di euro di debito che l’azienda ha con l’erario e che sarebbero la reale motivazione per la quale la Wind avrebbe deciso di abbandonare, in parte, la nave spostando le commesse del servizio clienti mobile altrove. TIZIANA BAGNATO