Lamezia: Aeroporto, arrestati due cinesi con passaporti falsi

Nella giornata di ieri personale dipendente dell’Ufficio di di Frontiera Aerea presso l’Aeroporto di , diretto dal Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato dott. MARTUCCI Ferruccio, in servizio di per il volo TS 643 della compagnia aerea diretto a (Canada), procedeva al controllo di due extracomunitari in possesso di due passaporti giapponesi.  I controlli effettuati dei documenti in questione, anche tramite l’utilizzo di apposita strumentazione tecnica, hanno permesso di accertare che i passaporti erano stati contraffatti. Dagli ulteriori accertamenti effettuati è emerso che i predetti erano giunti a Terme il giorno precedente con il volo della compagnia Ryanair FR4826 proveniente da Girona (Spagna), ove erano approdati direttamente dalla Cina all’aeroporto di Madrid, città in cui sono riusciti a reperire i passaporti contraffatti e sequestrati. Ulteriori accertamenti sono stati effettuati anche tramite le Ambasciate del Canada e del Giappone a Roma con le quali nei precedenti tentativi di immigrazione clandestina avvenuti all’aeroporto di Terme negli anni passati era stata avviata già una proficua collaborazione. I due cittadini cinesi pertanto venivano tratti in arresto e deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’art. 497 bis c.p.. Le indagini sono tuttora in corso e sono coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il di Terme dott. MAFFIA Luigi. Negli anni passati analoghi tentativi di immigrazione clandestina hanno già portato all’arresto di numerosi cittadini cinesi trovati in possesso di passaporti falsi o contraffatti di nazionalità inglese, coreana, giapponese e malese.