San Marco Argentano, incontro pubblico su elisoccorso

SAN MARCO ARGENTANO – Si è tenuto a San Marco Argentano un incontro pubblico sull’elisoccorso organizzato dal Soccorso Alpino Calabria e il Servizio sanitario regionale del 118. Ospiti del Sindaco di San Marco e della dirigente scolastica dell’ISS, anche il dott. Carlo Tansi, responsabile regionale della Protezione Civile regionale, l’onorevole Giudiceandrea e rappresentanti del CAI di Cosenza e Verbicaro e del Soccorso Alpino della Guardia Finanza, nonchè le rappresentanze di tutte le Stazioni di Soccorso Alpino calabresi

Seguitissimi gli interventi dei relatori. Il dott. Riccardo Borselli, responsabile del 118 di Cosenza, ha illustrato gli attuali rapporti con il Soccorso Alpino nella provincia di Cosenza, rapporto che si è formalizzato con un protocollo operativo già nel 2010 e che ha permesso di salvare in sinergia numerose vite non solo in montagna ma anche nei territori impervi della provincia. Il dott. Eliseo Ciccone, responsabile regionale dell’elisoccorso 118, che attualmente conta quattro basi con 4 eliccotteri,facendo una carrellata della storia dell’elisoccorso in Calabria, già operativo da oltre vent’anni, ha sottolineato l’importanza del mezzo elicottero in una Regione priva di una rete di collegamenti stradale efficiente e per sopperire alle numerosissime necessità di trasferimento dei pazienti che hanno bisogno di essere trasferiti con urgenza in ospedali extraregionali. Sempre il dott. Ciccone ha poi garantito che anche in Calabria gli elicotteri del 118 si doteranno di verricello (configurazione SAR) ciò per portare soccorso anche in posti ove l’elicottero non può atterrare. Il dott. Paolo Dallapè, responsabile dell’elisoccorso 118 della provincia di Trento, ha illustrato la realtà e i numeri dell’utilizzo dell’elicottero a Trento, sempre all’avanguardia in questo settore. Anche il Vice Presidente nazionale del Soccorso Alpino, Alessandro Molinu, ha ribadito gli accordi che a livello nazionale e regionale vi sono tra la sanità e il Soccorso Alpino, accordi previsti da numerose leggi dello Stato, tra cui la legge 74 del 2001, confermata in pieno anche in Calabria dalla nuova legge regionale nr 1/2017, che prevede che l’unico riferimento esclusivo per la sanità per gli interventi sanitari in ambienti montani, impervi ed in grotta è appunto il Soccorso Alpino. Il Presidente regionale del Soccorso Alpino Calabria, Luca Franzese, ha esternato la speranza che “la salvezza venga dal cielo” anche in montagna e nelle zone ostili della regione in Calabria per opera dell’elisoccorso 118, integrando gli attuali elicotteri con il verricello, affermando che il Soccorso Alpino in Calabria è già pronto per questo salto di qualità, avendo già a disposizione numerosi TECNICI DI ELISOCCORSO e altri in formazione.

A margine dell’incontro, il Vice Presidente Nazionale del Soccorso Alpino ha consegnato il premio biennale della Stazione Pollino del Soccorso Alpino Calabria ad un emozionatissimo TONINO BONANATA, capostazione del Pollino per dodici anni, per la sua dedizione e impegno per la crescita della Stazione in questo ultimo decennio.