Azzerare le distanze. Carteggi 1934 – 1940 di Corrado Alvaro, Valentino Bompiani, Lorella Anna Giuliani (a cura di). RUBBETTINO EDITORE

azzerare_le_distanze

La corrispondenza epistolare intercorsa tra lo scrittore Corrado Alvaro e l’editore Valentino Bompiani testimonia la durata reale del loro rapporto umano e professionale avviato nel gennaio del 1934 e cessato nell’aprile del 1956, pochi mesi prima che Alvaro morisse. L’insieme documentario, del quale qui si pubblica per la prima volta integralmente e in edizione critica la parte riguardante gli anni dal 1934 al 1940, è particolarmente interessante: le lettere, un tassello dopo l’atro, focalizzano la successione meditata di precise scelte politico-editoriali, convogliando nel loro flusso anche elementi paratestuali quali ritagli di giornale, copertine di libri e bozzetti di ritratti, che trasformano in un quadro storicoletterario assai rappresentativo la collaborazione tra i corrispondenti. Per questa via, mentre affiorano aspetti inediti della storia privata e pubblica di Alvaro si precisano momenti poco noti dell’impresa editoriale «artigiana» di Bompiani, fermo nel proposito di investire sullo scrittore calabrese con reciproco vantaggio, e, non da ultimo, si definiscono i ruoli di tanti altri protagonisti della scena culturale del Novecento. Il Carteggio rispetta inoltre la spiccata e ininterrotta predilezione di entrambi per il genere epistolare, considerato simbolicamente paradigmatico di una speciale visione del mondo, scelto sia da Alvaro sia da Bompiani in varie iniziative editoriali, e curioso rovello dell’editore che dopo la morte dello scrittore ne raccolse le lettere in vista di un volume da pubblicare, mai realizzato.
Disponibile in libreria. Per acquistarlo on line con lo sconto del 15% clicca RUBBETTINO EDITORE