Moody’s avverte su crisi di liquidità banche Grecia

Moody’s continua a seminare il panico tra i periferici. L’agenzia di rating Usa ha affermato oggi che le da inizio anno hanno perso circa l’8% dei depositi del clienti privati, e che sono a corto di liquidità. In particolare, se i depositi dovessero scendere di oltre il 35% le si troverebbero in una situazione critica, che potrebbe compromettere la sopravvivenza stessa.

Moody’s ha specificato che proprio negli ultimi mesi, quelli di maggio e di giugno si sono registrati i maggiori deflussi, che quindi potrebbero continuare nei prossimi mesi, qualora la situazione politica non dovesse assestarsi e non arriverà il tanto atteso piano di aiuti da parte di Econfin e Ue.

“Un calo sostenuto dei depositi di oltre il 35% in un breve lasso di tempo, provocherebbe una grave mancanza di cash nelle banche”.  Con il calo dei depositi dei consumatori del settore privato, ci aspettiamo che le banche greche facciano sempre più fatica a ridurre la dipendenza dai fondi Bce, che peraltro e’ il loro obiettivo numero uno, se si tiene conto degli impegni presi con la Banca centrale ellenica”.