Riforma Fisco, previsti tagli alla politica

ROMA – La varata dal ministro si sta via via delineando. Uno dei capi saldi sarà il nuovo sistema di delle imposte sui redditi, con la presenza di soltanto tre scaglioni: “questa idea di prevede un sistema più semplice, la riduzione degli scaglioni e possibilmente articolato su non più di cinque imposte in cui molti tributi minori possono essere concentrati e gli scaglioni e i calcoli vanno fatti secondo quanto si riesce a tagliare per finanziare la riforma”.

Questo è il commento del ministro, la cui riforma prevede tagli trasversali, che partiranno dai costi della politica e dai benefit dei , che verranno drasticamente ridimensionati.

Il ministro sin dal principio ha chiarito che il sacrificio deve partire dalla politica, per dare un segno di responsabilità al resto del Paese. Per quanto concerne la produttività, per il rilancio Tremonti ritiene che occorrano “contratti un po’ più aziendali e meno generali siano la via giusta per la produttività”. Intanto secondo la Cgia di Mestre, gli effetti delle riforme che riguardano L’Irpef e l’Iva, produrranno su una media un di circa 435 euro l’anno, di cui 600 circa arriveranno dall’Irpef, mentre un aggravio di 166 euro verrà dall’Iva.

La sarà di 47 miliardi di euro, che verranno spalmati su tre anni, dal 2012 al 2014.