Emergenza rifiuti, partono gli emendamenti di opposizione e Lega Nord.

Roma – “Deliberare entro tre giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione, lo stato di emergenza nella gestione dei rifiuti della regione Campania fino al 31 dicembre 2011 in modo da impegnare tutte le regioni italiane alla piena collaborazione, in base alle proprie capacità, per superare la grave emergenza in atto”. E’ questo il contenuto di uno degli emendamenti presentati dal Pd inerente il decreto contenente le misure urgenti sui rifiuti per la regione Campania posta al mometo al centro della discussione della commissione Ambiente alla Camera.

“In seguito allo ‘stato emergenza’ – prosegue l’emendamento all’art.1 – viene promossa una seduta straordinaria della Conferenza Stato-Regioni finalizzata all’approvazione di un accordo quadro interregionale al cui interno sia inserito un protocollo standard per il controllo e il trasporto dei rifiuti, oltre a misure di compensazione ambientale”.

Di stampo nettamente differente il contenuto degli emendamenti del carroccio: “I trasferimenti dei rifiuti fuori dalla regione Campania abbiano come destinazione esclusiva gli impianti delle regioni limitrofe”.

In un altro emendamento la Lega ha invece chiesto che ”il sindaco di Napoli Luigi De Magistris sia nominato commissario straordinario operando con i poteri che erano stati attribuiti al sottosegretario di Stato all’emergenza rifiuti Guido Bertolaso”. Infine il partito del ‘senatùr’ ha  chiesto la ”realizzazione di impianti di termovalorizzazione”.