FIMMG Catanzaro: “Autosospesi dalla Commissione del Distretto 1 di Catanzaro fino a quando non si rispetteranno le regole”

CATANZARO – “Ci siamo autosospesi e rinunceremo a collaborare ai lavori della Commissione per l’Appropriatezza Prescrittiva del Distretto 1 di Catanzaro fino a quando non si realizzeranno determinate condizioni che riteniamo ineludibili”. È quanto si legge in una nota del Consiglio Provinciale FIMMG di Catanzaro.
“Innanzitutto, – sottolineano – occorre ristabilire le condizioni di uniformità ed equità nei comportamenti e nei criteri di valutazione delle Commissioni presenti nei diversi distretti allo scopo di fotografare la reale situazione esistente su tutto il territorio regionale. In secondo luogo, occorre rispettare la normativa esistente e implementare obbligatoriamente i componenti della Commissione per l’Appropriatezza Prescrittiva del Distretto 1 di Catanzaro con due ulteriori figure professionali, un medico specialista ospedaliero ed un medico specialista territoriale, per come stabilito dal DCA 66 del 2015. Inoltre, dovrà essere fatta chiarezza sulle motivazioni che hanno spinto la dirigenza Aziendale ad adottare il provvedimento sanzionatorio nei nostri confronti, per ‘presunte’ prescrizioni ritenute inappropriate per qualità o quantità, pur non avendo la disponibilità della documentazione inerente l’attività delle altre commissioni del territorio aziendale”.
“Fino a quanto queste condizioni non saranno soddisfatte – proseguono dalla FIMMG di Catanzaro – riteniamo opportuno non partecipare ai lavori della Commissione, come d’altronde già deciso nel Consiglio Provinciale FIMMG di Catanzaro del 29 settembre 2018”.
“Riteniamo incomprensibile – osservano – quanto accaduto ai medici di famiglia del Distretto 1 di Catanzaro e ci rifiutiamo di pensare che, tali intempestivi e parcellari provvedimenti, riguardanti solo i medici del Distretto di Catanzaro, possano essere espressione per un verso di iniziative legate al raggiungimento di obiettivi correlati alla riduzione della spesa farmaceutica e, per l’altro, all’accesso a premialità economiche”.
“Per tali ragioni – precisano dalla FIMMG di Catanzaro – abbiamo ritenuto giusto e doveroso tutelare la dignità, la professionalità e, soprattutto, l’operato di tutti i medici del territorio che hanno raggiunto risultati lusinghieri, riconosciuti non solo in Calabria ma, anche, al di fuori dei confini regionali”.
La comunicazione di Autosospensione dalla Commissione per l’Appropriatezza Prescrittiva del Distretto 1 di Catanzaro da parte dei componenti il Consiglio Provinciale FIMMG di Catanzaro (Dott. Gennaro De Nardo, Dott. Antonio Guerra, Dott. Vincenzo Russo e Dott. Sante Grandinetti) è stata trasmessa al Direttore del Distretto 1 Asp di Catanzaro, al Presidente della Commissione di Appropriatezza Prescrittiva, dott. Maurizio Rocca, e per conoscenza al Direttore Generale F.F. dell’Asp di Catanzaro, al Direttore Sanitario dell’Asp di Catanzaro, al Direttore Generale del Dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria ed al Commissario ad Acta della Regione Calabria.