Gianni Speranza: Basta prendere in giro i Calabresi. Subito la data delle elezioni

sindaco_gSperanza

Il primo cittadino di Lamezia lancia l’allarme sulla situazione della regione “con cumuli di rifiuti che occupano le nostre coste da nord a sud, con pesanti tagli ai comuni sui trasporti: di fronte a questa situazione, mi sono candidato alle primarie, per rappresentare il punto di vista dei cittadini che non capiscono questo balletto di date e chiedono il cambiamento. Il percorso dalla data della condanna dell’ex governatore Scopelliti ad oggi in Calabria è stato scandito da balletti di date, leggi volutamente fatte male, chiacchiere utili solo a posticipare la data del voto. Io chiedo oggi alla Stasi quando si vota in Calabria? Se non si risolve questo punto della data delle elezioni regionali, anche le migliori intenzioni saranno controproducenti. Sono raccapriccianti le ultime dichiarazioni del Sen Gentile sulla data delle elezioni in Calabria; com’è possibile che un esponente politico con responsabilità di governo si sfila dalla questione con così tanta disinvoltura? Perchè non chiede alla Stasi, esponente del suo partito, di fissare la data delle elezioni? Perchè non lo chiede al Ministro Alfano leader del Sen. Gentile?”
Gianni Speranza ritiene ragionevole che il Governo faccia coincidere la data delle amministrative a Reggio Calabria con le elezioni regionali e quindi al più presto. E sulle primarie, incalza il centrosinistra: “avrei voluto che il centrosinistra avesse fatto una vera battaglia per far sciogliere veramente il Consiglio regionale, invece purtroppo non è stato così. Noi ci siamo rivolti nelle settimane scorse anche al Presidente della Repubblica per richiamare la sua attenzione su questa situazione drammatica. Facciamo subito le primarie, facciamole sul serio”.
E’ l’appello di Gianni Speranza al centrosinistra al quale ribadisce l’invito a “rompere con la logica del partito trasversale unico, a non sciupare ulteriori occasioni per vincere le elezioni e a tenere la barra dritta per intercettare il desiderio di cambiamento dei calabresi. Il prossimo candidato del centrosinistra alle elezioni regionali non dovrà essere deciso in qualche vertice ristretto, ma qui, in Calabria, in modo serio e trasparente dal popolo del centrosinistra”.