Lamezia, Meetup 5 Stelle: “Plauso per l’operazione delle forze dell’ordine, ma si smantelli Scordovillo”

LAMEZIA TERME – “Ci sono voluti otto anni ma alla fine ci sono riusciti: finalmente la magistratura e le forze dell’ordine hanno certificato l’inazione delle diverse amministrazioni che si sono succedute al governo della città, intervenendo per ristabilire un minimo di legalità nel campo rom di Scordovillo.
L’operazione di ieri, giunta a compimento dopo oltre un anno di indagini e che ha portato a diverse misure cautelari, e divieti di dimora nella nostra città, per reati ambientali e contro il patrimonio, è anche frutto delle nostre continue denunce e degli appelli alle autorità preposte per adoperarsi a tutela della salute degli abitanti dell’accampamento e, di riflesso, di tutti i cittadini di Lamezia. Grazie alla legge sugli eco-reati, fortemente voluta nella scorsa legislatura dal Movimento 5 Stelle, adesso abbiamo concrete speranze che chi è stato coinvolto in questa operazione non la passerà liscia come, vergognosamente, sempre accaduto prima d’ora.
Non possiamo dunque fare altro che esprimere il nostro plauso per l’operazione messa in atto oggi dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e ci auguriamo che l’impegno dello Stato non sia limitato a sole operazioni di repressione, ma vada oltre, fino al definitivo smantellamento del campo rom, come previsto, del resto, dall’ordinanza di sequestro del Procuratore Vitello emessa nell’ormai lontano marzo del 2011. In essa è letteralmente riportato che «Scordovillo è un covo antigienico, nocivo per la salute dei rom ma anche per buona parte dei cittadini che abitano nei dintorni. E’ pure una centrale criminale in cui avvengono loschi traffici».
Di tutto ciò, come denunciato nei nostri continui interventi pubblici sull’argomento, i Sindaci Speranza e Mascaro, con tutte le loro rispettive forze politiche di maggioranza ed opposizione, se ne sono letteralmente infischiati, accampando pretesti e scuse per non intervenire, alimentando una condizione di malessere e di stress psicosociale tra i cittadini di Lamezia, e favorendo di fatto il mantenimento di una situazione di emergenza ad oltranza. Evidentemente, mantenere attivo un ampio serbatoio di voti a basso costo, in tutti questi decenni ha fatto più gola della salute dei cittadini e del rispetto della legalità”.

Meetup 5 Stelle Lamezia Terme
Amici di Beppe Grillo