Manovra, Tremonti seguirà il decreto passo dopo passo.

Roma – “Hic manebimus optime” ( Qui staremo benissimo):  con le parole di Tito Livio il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti si è assunto la responsabilità di seguire, passo dopo passo, il decreto volto ad un pareggio di bilancio nel 2014 e ad una riduzione del debito dell’Italia. Il patron di Via XX Settembre dunque non se ne andrà e seguirà personalmente gli sviluppi della Manovra in fase di approvazione presso Camera e Senato dopo aver messo a tecere svariate voci che lo volevano fuori dal Governo entro i prossimi giorni.

Tremonti ha anche escluso possibili rinvii a manovre successive, annunciando che il decreto sarà rafforzato lungo l’arco del quadriennio. Fra le principali novità ci sarà una spinta verso le privatizzazioni e le liberalizzazioni, due misure tese all’adempimento delle riforme strutturali più volte chieste dagli organismi economici internazionali.

Poi Tremonti è passato al quadro europeo, enfatizzando come vi sia “necessità di un maggior peso politico. Gli eurobond sono un’idea da me stesso avanzata in Europa alcuni mesi fa e resta la soluzione migliore per porre un freno alla speculazione”.