Nicola Mastroianni: “INSICUREZZA STRADALE” a Lamezia Terme. Sulla sicurezza stradale non si scherza

Si intervenga in maniera particolare nel quartiere di Sant’Eufemia in prossimità della stazione ferroviaria, dell’hub aeroportuale ma anche nella storica Piazza Italia dove, pur in presenza dell’ufficio postale, della stazione dell’Arma dei Carabinieri, della Chiesa e di molte attività commerciali  e residenziali insiste un limite e un impedimento oggettivo per i passanti ad attraversare la rotatoria stradale.
Non meno importante è la situazione lungo l’arteria stradale di Via Roberto il Guiscardo nel quartiere cittadino in località Scinà dove insiste il plesso scolastico Don Bosco e il Parco Peppino Impastato, luoghi quotidianamente frequentati da migliaia di persone e dai residenti e su cui si concentrano tutti i pericoli ed i rischi per la sicurezza della popolazione a causa dell’enorme flusso veicolare in entrata e in uscita dalla città; anche in questo caso è indispensabile un intervento massivo perché l’intera zona è carente di adeguata segnaletica stradale e di tutti gli strumenti idonei a contenere e limitare la velocità dei mezzi in circolazione.
Altra situazione di allarmante pericolo per i veicoli in transito è rappresentata dalla mancata ultimazione dei lavori nel tratto terminale dell’altra arteria stradale che corre a valle della zona cittadina lungo Via G. Murat dove, l’imperizia dell’impresa esecutrice non è di meno a quella dell’ufficio tecnico comunale che non garantisce il monitoraggio dello stato dei lavori benchè meno  la bonifica dei rischi per la sicurezza della circolazione stradale.