Norma “Salva Fininvest”, l’Ira di Tosi:”pessima figura per Berlusconi”

ROMA – La norma definita dall’opposizione “salva Fininvest” ha peggiorato un rapporto già burrascoso tra Premier e la Lega Nord. Uno dei principali esponenti del Carroccio, Flavio Tosi, sindaco di Verona, ha criticato con fermezza l’azione del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, riguardo la decisione di ieri sera di ritirare la norma: “ritirare una norma che era stata messa lì di soppiatto, e a nostra insaputa, non attenua la pessima figura rimediata dal presidente del Consiglio. Non doveva presentarla, punto”.

“Berlusconi ha capito che quella roba noi non l’avremmo mai fatta passare, mica possiamo ingoiare rospi a oltranza. In Parlamento si sarebbe aperto uno scontro clamoroso e dagli esiti imprevedibili. Di sicuro non avremmo fatto come l’altra volta, quando il governo pose la fiducia per salvare Cosentino. So benissimo quanto malvolentieri i nostri la votarono. Basta, abbiamo già dato”,

“Qualcuno ha pensato bene di rispondere al suo appello infilando nella manovra quella norma incredibile, che con i problemi degli italiani non c’entra nulla, ma che avrebbe seriamente rischiato di far saltare tutto, perché in Parlamento si sarebbe scatenato il finimondo. E non solo in Parlamento”.