SEL risponde a coloro che hanno espresso la loro valutazione sulla situazione ei bilancio del comune di Lamezia Terme

In ogni caso anche se avessero avuto contratti dimezzati, cosa non fattibile tre anni fa, il comune avrebbe risparmiato alcune centinaia di migliaia di euro inutili a coprire il disavanzo di cassa. Tutto però in fondo scorrerebbe nell’alveo della polemica usuale ed anche legittima se in ultimo non si ricorresse ad un antico copione: una  stucchevole chiamata di correo per il centrodestra per non avere vigilato contro una “‘sinistra” traditrice e colpevole, e un offensivo paragone tra Lamezia e Reggio, provocazione strumentale e gratuitamente volgare. Paragonare il ‘modello Reggio’ del ‘caso Fallara’, delle partecipate infiltrate dalla mafia, dei 200 milioni di disavanzo, dei superstipendi dirigenziali al confronto dei quali quelli dei nostri dirigenti impallidiscono, delle relazioni opache e di malaffare che invadono ogni angolo del comune, paragonare insomma il verminaio  che quel modello ha scoperchiato con questi anni a Lamezia appare solo il frutto disonesto e malato della polemica politica, un modo per calmare qualche personale maldipancia, non certo per contribuire alla chiarezza e alla verità. SEL, circolo di Lamezia