Stazione Lamezia, sindaco scrive a ministro Trasporti per chiedere di scongiurare ipotesi declassamento

stazione_lamezia_centrale

Qualora tutto ciò venisse confermato lo scalo sarebbe destinato a diventare da stazione controllante a stazione controllata da quella partenopea e, sempre stando alle indiscrezioni, ad essere oggetto di soppressione sarebbero anche la biglietteria, il deposito personale viaggiante, il reparto territoriale movimento e l’ufficio verifiche che comporterà come conseguenza finale la chiusura della stessa nelle ore notturne, e che metterebbe a rischio la perdita di diversi posti di lavoro. Ci sarebbe anche il rischio della scomparsa della eventuale fermata TAV qualora l’alta velocità venisse nel tempo prolungata sino a Reggio Calabria.
Spero – ha concluso il sindaco – che nessuno abbia preso in considerazione ipotesi simili, dannose per i cittadini costretti già a muoversi con difficoltà in una regione in cui lo stato della viabilità e dell’offerta del trasporto pubblico da parte delle Ferrovie dello Stato è assai problematica (per il protrarsi dei lavori sulla Sa-Rc, per il mancato ammodernamento della 106, per i ritardi nella realizzazione della trasversale delle Serre, per lo stato di abbandono in cui versa la linea ferroviaria ionica: solo per citare alcune delle principali criticità)”.