Lamezia, Coordinamento Sanità 19 Marzo: “Un Centro di Eccellenza CMMI all’ospedale di Lamezia Terme? Perché no”

LAMEZIA TERME – “Il nostro primo pensiero va alla disponibilità del generale Saverio Cotticelli, anima di un cambiamento che in Calabria può essere epocale. Poi speriamo nella possibilità che un modo diverso di fare politica a Lamezia può esserci. Dobbiamo ringraziare l’onorevole Domenico Furgiuele, della Lega, che ha dimostrato di aver letto i nostri documenti e di aver preso in considerazione la possibilità che la proposta da noi presentata, a lui, al generale Saverio Cotticelli, commissario della Sanità regionale, e all’onorevole Giuseppe D’Ippolito di 5stelle, possa essere un percorso non dispendioso corretto e mirato a tutelare il diritto alla salute di migliaia di cittadini. La proposta che abbiamo inviato alla stampa e, che se la stessa lo ritiene può rendere pubblica, mira a fare dell’ospedale di Lamezia Terme, un Centro d’Eccellenza da noi definito CMMI Centro-Meridionale Malattie Immunitarie. Questa nostra idea nasce dalle necessità che ha la popolazione malata della Calabria e delle famiglie che purtroppo, insieme a chi non sta bene, devono vivere enormi disagi, peregrinando non solo per la Calabria ma per tutto il Paese. Si può dare risposta all’emergenza e dare opportunità di cura in oltre 150 patologie che richiedono l’intervento di quei reparti che Lamezia aveva e quelli che ha ancora. Sbloccando i 20 mln di euro che Lamezia aspetta da un po’, ridando forza ai reparti, il Centro può utilizzare quanto già c’è nell’ ospedale, riaprire quei reparti fondamentali per la cura di tutti i cittadini, che una politica scellerata ha voluto chiudere, e dare le attrezzature e il personale che il cuore della Calabria merita. Insistiamo col dire che il Coordinamento, composto da cittadini che hanno ideologie politiche trasversali, vuole lavorare in maniera initaria. Se grazie alla nuova politica lametina questo accade non possiamo che esserne felici. Non è cisa da niente che dei parlamentari superino gli steccati dei partiti e si soedano per la propria terra con coraggio. Abbiamo lanciato un appello ed è stato accolto, ci auguriamo che si prosegua su questa strada e si continui con forza e coraggio a lavorare oer questa giusta causa. Noi abbiamo la volontà di mettere in risalto quanto è importante che un ospedale come quello di Lamezia e la Sanità di tutto il Lametino, abbiano un futuro positivo. Un futuro che è necessario perché lo meritano le popolazioni che a questa sanità fanno riferimento. Lo merita la Calabria. Con il CMMI sarebbe la regione intera a far riferimento a Lamezia. Ma continuerebbe questo ospedale a dar fastidio a certa politica? Si! Perché non è il bene comune che a loro interessa, ma il proprio tornaconto. Ci aspettiamo fulmini e saette perché alcuni politicanti e alcuni “medici”, vedrebbero diminuire i loro “introiti” e, pertanto, come spesso accade si ritiene che è meglio se nel lametino non ci sia niente. Ma, forse questa volta qualcosa di nuovo c’è all’orizzonte. Se l’onorevole Furgiuele della Lega, ha pubblicamente dichiarato che vale la pena analizzare la nostra proposta, allora forse la politica che vuole sempre primogeniture sta cambiando. Hanno messo Lavorare insieme può essere fulcro di attività positive, che danno risposte al territorio, ed è quello che per noi è importante. Ecco perché nella nostra attività ci siamo rivolti ai due parlamentari lametini Giuseppe D’Ippolito di 5stelle e Domenico Furgiuele della Lega, per chiedere loro di farci da guida in questa azione a favore del lametino . Per il “Coordinamento Sanità 19 Marzo” il fine è di dimostrare che c’è un territorio positvo e di buone prassi, esempio per tutta la Calabria. Vogliamo dimenticare il passato politico anche se da esso, nel bene e nel male, abbiamo imparato molto. Vogliamo ringraziare chi ci supporta perché dimostra che operare in maniera unitaria può solo favorire Lamezia è tutto il Lametino”.

Coordinamento Sanità 19 Marzo