Ancora problemi per l’AS JACURSO: parla il direttore generale Matteo De Vito

matteo_de_vito_400

{gallery width=109&height=80&title=AS Jacruso}/images/Dal-Lametino/AS_Jacurso/{/gallery}

Avete parlato con il Sindaco e richiesto il campo?
«Si, il 30 giugno 2014 abbiamo richiesto al sindaco, per l’ennesima volta (protocollo del comune di Jacurso n.1912) la disponibilità del nostro campo sportivo, per disputarvi le gare casalinghe del campionato di calcio e sostenervi gli allenamenti settimanali. Ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta, come da prassi consolidata dei nostri valenti amministratori»
Cos’è accaduto il 27 ottobre?
«Il  27 ottobre abbiamo scoperto che la seconda squadra locale ha avuto la concessione del campo “Morici”, mentre l’AS Jacurso, a causa della mancata risposta del Comune, è stata costretta a chiedere ospitalità a Maida. Quest’indecente disparità di trattamento, oltre a creare un precedente illecito e vergognoso, non può più essere tollerata. Ha costretto la prima squadra del paese a dover giocare fuori»
Cosa pensa di questa situazione?
«Ritengo che il Sindaco si debba sforzare di fornire una giustificazione per questa decisione assolutamente subdola e da principiante dell’amministrazione pubblica; mi chiedo come possa non essere a conoscenza di un atto a lui indirizzato, depositato e protocollato al Comune? Ha forse omesso di compiere un atto doveroso del suo ufficio, col fine di danneggiarci? Forse non risponde alle nostre istanze, perché nella nostra società ci sono persone che non l’hanno voluta a capo della nostra comunità e non la vorranno? La nostra società, i nostri ragazzi ed i nostri tifosi, meritano rispetto. Per una guida amministrativa seria, le dimissioni sarebbero, a questo punto, un atto dovuto. Noi siamo l’AS Jacurso e questo nome lo porteremo in alto, con orgoglio, ovunque andremo; ogni scelta da lui volta a danneggiarci, non fa altro che rafforzarci».

Nel frattempo attendiamo un riscontro da parte del Sindaco di Jacurso per capire le ragioni di cosa sia accaduto e, soprattutto, quale soluzione debba essere presa per poter risolvere una volta per tutte questa situazione.
Caterina Caparello