Reggio Calabria, Elezioni: CasaPound si presenta alla stampa

Reggio Calabria – Riceviamo e pubblichiamo

Svolta a destra. Non quella radicale e integralista come è più semplice etichettarla, ma un movimento con un’anima sociale, che non aspettava la tornata elettorale di marzo per farsi conoscere e apprezzare dalla gente. Venerdì mattina nella sede della “Liburna” in via Pio XI, la compagine “interamente” reggina candidata al Parlamento si è presentata. Tanti simpatizzanti e giornalisti, incuriositi da quest’onda che sta travolgendo i “delusi” da una politica pasticciona e inconsistente. <<La partecipazione a questa competizione elettorale è la risposta di CasaPound alle richieste di migliaia di cittadini incontrati in strada in questi due anni di attività. – avverte Nicola Malaspina (candidato al Senato – Collegio Uninominale di Reggio Calabria – Gioia Tauro) – . I reggini percepiscono una città isolata. Isolata politicamente; isolata economicamente; isolata fisicamente in virtù di un aeroporto fortemente ridimensionato, di collegamenti ferroviari più che carenti. Da 40 anni i cittadini della fascia jonica sono costretti a subire le promesse, sempre disattese, di un ammodernamento della SS 106, da un anno tutti i calabresi hanno potuto toccare con mano la più grande fake news mai raccontata dal governo Renzi/Gentiloni: la fine dei lavori della ex A3 oggi A2>>. Applausi per giovani coraggiosi, con idee e valori che alimentano un’azione politica di sostanza.
Roberta Riso sdogana il luogo comune più pernicioso. <<In un momento storico come quello che il nostro Paese sta affrontando , non può esistere voto più utile di quello dato a CasaPound Italia, unico movimento ogni giorno presente in tutti i quartieri delle città, con i suoi avamposti di speranza – dichiara la candidata alla Camera dei Deputati nel Collegio Uninominale di Reggio Calabria) – Noi che ogni giorno parliamo coi cittadini, possiamo davvero dire che gli italiani non vogliono opere monumentali e stratosferiche, ma concretezza di un lavoro stabile e ben retribuito, una casa di proprietà, sicurezza, blocco dell’immigrazione e la serenità quindi di poter mettere figli al mondo!>>. Non si ferma neanche in campagna elettorale la raccolta alimentare per i più bisognosi, e in provincia le problematiche non sono certo minori.
<<Gioia Tauro, oggi, è lo specchio dell’Italia – ammette Roberto Irrera (Candidato alla Camera dei Deputati – Collegio Uninominale di Gioia Tauro) – Un micro-mondo dove tutti i problemi si accumulano: un comune commissariato per mafia ed impoverito da chi ha l’unico intento di far pareggiare i conti. Un porto, uno dei più importanti del Mediterraneo, allo sbando. Cassintegrati, saracinesche abbassate, agricoltura lasciata morire ed ora l’assurda proposta di trasferire parte della tendopoli di Rosarno sul nostro territorio>>. Chiude Federico Maria Romeo, candidato alla Camera dei Deputati. <<Il mese scorso abbiamo raccolto le firme per la presentazione delle liste – chiosa il militante di Casapound che concorre come capolista nel collegio Plurinominale Calabria Sud) – un mese ricco di sacrifici, ma anche di belle sorprese. Siamo riusciti, solo nel nostro collegio, a raccogliere 600 firme. Tanti cittadini sono venuti a supportare la nostra candidatura, fieri e speranzosi di poter contribuire alla nostra vittoria. Abbiamo scelto candidati che rappresentano al meglio la nostra comunità. Non abbiamo paracadutati, sono tutti espressione del territorio>>.

CasaPound Italia – Calabria