Furti in via d’Ippolito:la gente ha paura

In città, da qualche settimana, sono tornati i “topi” d’appartamento; ladri di professione o improvvisati che riescono ad intrufolarsi nelle case e saccheggiare l’impossibile. Non hanno nemmeno il timore di entrare in casa con i proprietari dentro. L’importante è portate a termine il loro obiettivo: rubare. In una cooperativa in via Saverio d’Ippolito, nei pressi dell’ospedale “Giovanni Paolo II” nel giro di un mese sono state “visitate” sei abitazioni. Ladri che si sono introdotti in casa non di notte ma in pieno giorno. Nell’ultimo episodio, avvenuto qualche giorno fa, il ladro è entrato in casa dopo aver forzato la porta d’ingresso principale, ha messo sottosopra il pian terreno poi è salito al primo piano ma non contento è andato a rovistare anche nelle stanze del secondo piano. Il ladro era un uomo, probabilmente di origine slava, che all’arrivo del proprietario della casa, per scappare si è buttato giù dal primo piano portandosi dietro il sacco con l’oro e i soldi, e facendo perdere le sue tracce nelle campagne. Quando il ladro è entrato in azione, il proprietario non era in casa. Ma la sua presenza ha fatto scattare l’allarme, così il proprietario è tornato subito a casa ed ha visto il ladro in azione. Dopo alcuni momenti di concitazione, il malvivente è riuscito a liberarsi e buttarsi giù dal primo piano. Una signora che abita lì vicino racconta: «In casa mia sono entrati nel primo pomeriggio mentre io e mio marito stavamo riposando al piano di sopra. I ladri hanno forzato la serranda con una spranga di ferro e si sono intrufolati in casa. Hanno rubato dell’argento e i cellulari e poi sono scappati. Stiamo vivendo nel terrore questi furti avvengono ormai quotidianamente, in pieno giorno. Nel nostro quartiere stiamo vivendo una situazione di disagio e paura perchè, nonostante le denuncie, nulla è cambiato. Chiediamo maggior controllo da parte delle forze dell’ordine, quello che vogliamo è avere un po’ di serenità, almeno nelle nostre case. Ormai abbiamo paura anche di addormentarci». Un’altra signora racconta terrorizzata la sua disavventura: «In casa mia sono entrati alle 17e15 di cinque giorni fa hanno portato via oro e soldi che tenevo da parte. Non sappiamo più come fare: viviamo in una zona poco tranquilla, e questa è la nostra prima sfortuna, oltre che essere un grosso disagio. Non ci sentiamo protetti. Viviamo ogni giorno nella paura. Abbiamo affrontato anche delle spese per poter proteggere le nostre case e blindarci dentro. Oltre a quest’episodio, tutti gli altri furti sono stati regolarmente denunciati a polizia e carabinieri. Nonostante tutto, però purtroppo la situazione non è cambiata. Anzi è peggiorata. Siamo arrivati al punto che nel nostro condominio a turno siamo costretti a fare la ronda la notte per poter dormire tranquilli». «Questa è una zona disastrata siamo abbandonati anche dalle istituzione che non garantiscono l’ordinaria manutenzione. In più abbiamo diversi branchi di cani randagi che ogni giorno circolano indisturbati per il quartiere. Abbiamo fatto anche una segnalazione alla Multiservizi, ma i cani sono sempre in giro. Questa zona dovrebbe avere un po’ più di cura, visto che siamo vicino all’ospedale e all’Inps. Noi cittadini vorremo sentirci un po’ più protetti e non avere paura di scendere per strada, anche soltanto per buttare la spazzatura». Un altro furto con scasso è avvenuto in una villetta di via Arturo Perugini. Dove i ladri hanno addirittura aperto la cassaforte con il flex e portato via tutti i gioielli. Alcuni furti si sono verificati anche a Savuto e a Sambiase centro. Dove in una casa sono riusciti a portare via gioielli, orologi e preziosi per un valore di oltre 70mila euro.