A giudizio il manager diventato….milionario

guardia-finanza-117_400

La sua azienda sarebbe infatti complessivamente destinataria di circa otto milioni e ottocentomila euro frutto di finanziamenti nell’ambito del Pia (Pacchetto integtrato agevolazioni). Finanziamenti legati alle ricerche volte alla produzione di un “Generatore elettrico-termico con motore endotermico rotativo a ciclo continuo alimentato da motore a gas”. Il complicato marchingegno, tuttavia, non è stato mai interamente realizzato, a causa di intervenute complicazioni. I soldi, però, sarebbero arrivati lo stesso seppur in misura minore rispetto a quella preventivata. E proprio sulla gestione del denaro la magistratura inquirente, guidata da Dario Granieri, ha aperto un’inchiesta. L’obiettivo? Ricostruire il percorso seguito dalle somme destinate originariamente al progetto di ricerca cui la “Advanced Devices” era interessata. Il singolare ritrovamento per strada del milione e mezzo di euro non giustificherebbe, infatti, una serie di movimenti finanziari ri conducibili al manager. Pellicori, che si protesta innocente, dovrà ora comparire davanti al Gup a marzo. (Gazzetta del sud – A.ba)