Il progetto del comune di Lamezia Terme: creare o potenziare i centri ascolti per vittime violenze

Il progetto del Comune di Lamezia Terme, presentato dagli assessorati ai Servizi Sociali e alle Pari opportunità, e finalizzato alla creazione o potenziamento di centri di ascolto per vittime di violenza di genere (L.R. 20/2007) è stato approvato dal Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della famiglia, formazione professionale, cooperazione e volontariato della Regione Calabria.

La graduatoria dei selezionati è stata pubblicata sul Burc in base al decreto n.12990 del 17.10.2011 “Legge regionale 21 agosto 2007 n. 20. D.D.G. n. 4955/11 maggio 2011. Avviso pubblico per la selezione di progetti finalizzati alla creazione o potenziamento di Centri di ascolto per donne vittime di violenza di genere”.

Nell’elenco dei progetti ammessi a finanziamento (su 46 progetti presentati sono 7 i soggetti proponenti selezionati) con relativo punteggio e importo, il Comune di Lamezia Terme, è stato ammesso ad un finanziamento di 75 mila euro con un punteggio di 80. Insieme a quello del Comune di Lamezia sono stati finanziati anche i progetti del centro Lanzino e dell’arcidiocesi di Reggio Calabria.

Siamo contenti – ha dichiarato l’assessore Rosario Piccioni – che il lavoro fatto in questi anni dal nostro centro Demetra abbia avuto un riconoscimento ufficiale da parte della regione. Oggi viene premiata la professionalità, l’impegno e la passione degli uffici comunali e degli operatori del servizio che in questo modo continueranno ad essere un punto di riferimento per tutte le donne in difficoltà del nostro comprensorio. Aspetto ancora più centrale dopo i recenti fatti di cronaca che hanno sconvolto la nostra città”.

Sono soddisfatta – ha aggiunto l’assessore Giusi Crimi – che la Regione abbia deciso di sostenere questo progetto che il Comune con gli uffici e con la partecipazione di altri soggetti esterni ed associazioni ha portato avanti tenacemente nel tempo, consapevoli del fatto che, attraverso questo sportello, si sta dando un aiuto concreto, garantendo l’anonimato, a tante donne vittime di problemi familiari e abusi”.

Sulla base del Progetto “Demetra” si è costituito un Centro Antiviolenza per donne in difficoltà, approvato da questa Amministrazione con delibera di giunta comunale n° 405 del 30/09/2008, con l’obiettivo principale di offrire attraverso una serie di interventi e di azioni, risposte adeguate alle donne che subiscono violenza.

I partner del progetto sono il Comune di Lamezia Terme in qualità di capofila del partenariato, l’A.S.P. Di Catanzaro, l’Associazione Mago Merlino, l’Associazione Comunità Progetto Sud, l’Associazione Italiana “Donne Medico” (AIDM), l’Associazione Italiana avvocati per la famiglia e per i minori (AIAF Calabria), il Centro Lametino di Educazione Sociale Associazione ONLUS, l’Associazione Rinascita del Mediterraneo ONLUS.

Il progetto “DEMETRA” consiste nella creazione di uno spazio di ascolto, di condivisione e di sostegno per le donne e le persone che subiscono violenza, nel rispetto della segretezza e dell’anonimato; nella costruzione di percorsi individualizzati e personalizzati per aiutare le donne ad uscire dalla situazione di violenza e a riappropriarsi della propria vita; nell’offerta di supporto psicologico, consulenza legale e medica; nel lavoro di rete con le istituzioni e i servizi del territorio per un affiancamento della donna in difficoltà; nell’attivazione di un numero verde a disposizione dell’utenza 24 ore su 24.

Il servizio, localizzato nella sede dei Servizi Sociali del Comune di Lamezia Terme su corso Numistrano, è aperto 3 giorni a settimana (lunedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 ed il martedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00), nei giorni e nelle ore di chiusura del centro le richieste di aiuto al numero verde vengono deviate automaticamente alla Casa di Accoglienza per donne in difficoltà “Casa Meulì”, presente sul territorio di Lamezia, che offre anche la disponibilità di un luogo protetto e sicuro dove accogliere la persona in difficoltà in caso di emergenza.