Lamezia, Gianturco denuncia minacce e intimidazioni sul web

LAMEZIA TERME – “Mi trovo costretto a denunciare un episodio inquietante, che rivela ancora una volta il clima avvelenato e pericoloso di questa campagna elettora. Ho infatti appreso che hanno cominciato a circolare in rete immagini con il mio volto e contenenti minacce e pesanti intimidazioni”. Ad affermarlo è l’ex consigliere comunale Mimmo Gianturco.

“Parlo troppo. Ignoro gli avvisi. Voglio farmi ammazzare. Sono un morto che cammina”: queste alcune delle frasi a me indirizzate da chi, evidentemente, nascosto nell’anonimato del web, cerca un modo per spaventarci. Sappiano, però, che questi gesti dettati dall’odio e dall’invidia chiaramente non bastano a fermarci. Ovviamente, valuterò l’eventualità di sporgere denuncia alla polizia postale, ma spero si tratti “solo” di un atto dettato dalla stupidità. In ogni caso, in un comune come Lamezia Terme sciolto per infiltrazioni mafiose, fatti simili restano di una gravità inaudita.

D’altra parte, è evidente che, chi fa circolare queste immagini, ha interessi elettorali contrapposti e teme le nostre battaglie e non gradisce le nostre posizioni. Né le minacce né il fango, però, prevarranno sulla verità delle nostre idee. Verità testimoniata anche dalle bugie che, oltre alle minacce, sono state fatte circolare. In merito a queste bugie, non posso che ribadire il fatto che io sia perfettamente candidabile, che non esiste legge che possa impedirmelo e che quanto a me addebitato è falso.