Bonanni, rivendica azione Cisl dopo accuse Marchionne al sistema Italia

ROMA – Continua il botta e risposta tra e le istituzionali italiane. Dopo aver “bisticciato” con governo e , si accende la polemica anche con le parti sociali, con le quali in realtà non è mai corso buon sangue. Al rientro dagli Stati Uniti, dove il manager è stato accolto tra gli applausi dopo aver restituito ai governi di Stati Uniti e Canada i fondi ricevuti da durante la crisi, ha lanciato frecciatine all’Italia, esortandola a metterti al passo con altri stati più competitivi.

Raffaele della sottolinea gli importanti passi in avanti fatti dall’Italia in termini di flessibilità, costati non poco ai , che hanno dovuto sottoscrivere accordi di lacrime e sangue pur di ridare slancio al Paese: “negli ultimi tre anni l’Italia si è fortemente modificata: con la riforma dei del 2009 è stato fatto un grande balzo in avanti sul piano partecipativo e della contrattazione. Lo dico a Marchionne: oggi c’è una condizione generale di forte comprensione delle esigenze delle imprese e di capacità di adattamento”.

Bonanni rivendica anche il ruolo della Cisl nelle trattative con , con un’apertura al dialogo per la ricerca di situazioni condivise. Sull’azione giudiziaria della , Bonanni parla di “azione politica, che esula dai criteri sindacali”.