venerdì, Luglio 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il turismo sessuale nel primo film di Gabriela A.. Musa

Fermin Cabanillas I Huelva (EFE).- Quando la regista dominicana Gabriela A. Nel suo primo film, Boca Chica, Moses aveva ben chiaro che il suo dovere era produrre film di vendetta che raggiungessero il cuore del pubblico, e iniziò il lavoro con una storia difficile ma vera: la storia della vita di una dodicenne. ragazza coinvolta in un’associazione a delinquere legata al turismo sessuale.

Regista, scrittrice e scenografa nata a New York da genitori dominicani, è riuscita a portare il suo primo film in competizione per gli Oscar. Sezione ufficiale del Festival del Cinema Iberoamericano di Huelva, Prendendo Boca Chica Beach come personaggio secondario, un paradiso dominicano “che è anche un inferno per Desi”, la protagonista.

Il regista ha spiegato all’EFE che la prima del film a Huelva è stata un po’ sorprendente, grazie al formato utilizzato da questo festival, che permette al pubblico di parlare con la troupe alla fine della proiezione, “ed è stato molto interessante vedere come si è congratulato con noi e ci ha chiesto qualcosa sul film non appena l’abbiamo visto.”

Cinema della vendetta

Gabriella A. Moses ha quattro cortometraggi alle spalle e sostiene che il cinema dovrebbe essere di ritorsione, “perché ovviamente sono un’artista e anche un’artista attivista”, e che “i temi del film sono che è molto importante che noi dì qualcosa e inizia una conversazione su ciò che sta accadendo con le ragazze e il turismo sessuale nella regione.” Il Mar dei Caraibi e in diverse parti del mondo.

Il lato nascosto del turismo, il turismo sessuale, nell’opera prima di Gabriela A.. Mosé. Il produttore cinematografico José Alba ha ricevuto il Premio Lite al 49° Festival del Cinema Iberoamericano di Huelva. EFE/Julian Perez

“È un tema molto forte per il mio primo film, ma è assolutamente necessario”, secondo la regista, che ha una grande esperienza, nonostante la sua giovane età (33 anni), nel lavorare con le ragazze.

READ  Antonio Orozco pubblicherà la sua antologia musicale il 19 novembre: Little Pieces of Me | Musica

Sebbene non fosse l’autrice del film, era libera di aggiungere alla sceneggiatura ciò che riteneva necessario, “con varie scene e dettagli con gli sceneggiatori e con il permesso del produttore Sterlin Ramirez, di Celine Films”.

“Boca Chica”, come molti film dominicani, è il risultato di parte di una legge cinematografica in vigore nel paese caraibico da più di un decennio, “il che significa che stiamo vivendo un’età dell’oro” per i registi di questo paese. paese, secondo Mosè.

In questo contesto, aveva in mente una sceneggiatura su una ragazza nera affetta da albinismo e stava “trovando questa stella” per dirigere il film.

Il lato nascosto del turismo, il lato sessuale

Il film “Boca Chica” sarà proiettato nel paese della regista il prossimo gennaio, e lei è fiduciosa del suo successo, perché “il nostro obiettivo era mostrare i diversi aspetti della realtà” e mandare un messaggio “sul sogno e sulla vita della ragazza”. il suo dolore, perché c’è oscurità attorno a ciò che accade da questa parte, cioè il turismo”. Nazionalità”.

Turismo sessuale
Il lato nascosto del turismo, il turismo sessuale, nell’opera prima di Gabriela A.. Mosé. Parte del cast del film “Fueron los Días”, in concorso nella sezione Talento Andaluso del Festival del Cinema Iberoamericano di Huelva. EFE/Julian Perez

Il film esamina la situazione dei minori nella Repubblica Dominicana, il lato nascosto del turismo paesaggistico, i presupposti familiari e le aspettative sociali dei giovani nel passaggio all’età adulta.

Il suo regista, diplomato alla Tisch School of the Arts di New York, ha ricevuto il sostegno del Sundance Institute, Women in Film & Television (New York), Tribeca Film Institute, The Blacklist, SFfilm e Gotham.

Recentemente è stato inserito nella Black List Latinx 2023 ed è stato selezionato per il programma di borse di studio LALIFF x Netflix Latinx 2022 con il suo cortometraggio “Sin Roots”.

READ  Rodrigo Cuba ha risposto alla domanda sulla proposta di Anthony Aranda a Melissa Paredes

“Boca Chica” ha vinto il Nora Ephron Award al Tribeca Film Festival, da cui prende il nome il quartiere di New York. Evie

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles