Ottobre 18, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti approva una legge per sospendere il tetto del debito

Nancy Pelosi, presidente della Camera democratica. | Foto: EFE

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, a maggioranza democratica, ha approvato mercoledì un disegno di legge per sospendere il tetto del debito e impedire al Paese di sospendere il rimborso del debito nazionale il 18 ottobre.

L’iniziativa è stata sostenuta da 219 deputati, mentre 212 deputati si sono opposti.

Prima del voto, la presidente della Camera, la democratica Nancy Pelosi, stava cercando di unire il suo partito e sedare la ribellione scoppiata nell’ala centrista.

In una lettera ai suoi seguaci del debito, Pelosi ha considerato l’accettazione di sospendere il tetto del debito una questione “nazionale” e ha esortato il suo partito a muoversi rapidamente per evitare la sospensione dei pagamenti, che potrebbe destabilizzare i mercati globali.

I legislatori centristi hanno minacciato di votare contro il disegno di legge, considerandolo solo un gesto politico dei democratici per mettere in imbarazzo i repubblicani e improbabile che venga approvato.

Tuttavia, la maggioranza dei centristi ha finito per arrendersi e votare a favore della legge. Solo due democratici hanno votato contro: Kurt Schrader dell’Oregon e Jared Golden del Maine.

Il repubblicano Adam Kinzinger, di ideologia moderata, si è separato dal suo partito e lo ha votato.

Ora, il disegno di legge va al Senato, dove probabilmente fallirà perché i democratici in quella stanza non hanno abbastanza voti per passarlo da soli e i repubblicani hanno già avvertito in diverse occasioni che bloccheranno qualsiasi sforzo per aumentare il debito degli Stati Uniti . .

I repubblicani vogliono che i democratici utilizzino un meccanismo legislativo chiamato “riconciliazione” che eccezionalmente consente ai progetti di legge di passare con meno di 50 voti.

Tuttavia, i Democratici hanno discusso tra loro per settimane su come utilizzare questo meccanismo per approvare un importante piano di spesa sociale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, quindi l’aggiunta della questione del debito porterà con ogni probabilità a ulteriori discussioni e ritardi.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha avvertito martedì che gli Stati Uniti potrebbero non adempiere ai propri obblighi di debito il 18 ottobre.

Questa fissazione del tetto del debito, che ogni pochi anni fa precipitare gli Stati Uniti in un precipizio, si verifica perché il governo spende molto più denaro di quello che riceve in tasse federali.

Nel solo 2021, si stima che il governo sosterrà $ 5,8 trilioni di spese e avrà $ 3,5 trilioni di entrate, lasciando un deficit di $ 2,3 trilioni, secondo il Congressional Budget Office.

Il governo può emettere debiti solo nella misura stabilita dal Congresso, che ha il potere di aumentare tale tetto come meglio crede.
Gli Stati Uniti non hanno mai dovuto ricorrere all’insolvenza sul proprio debito sovrano, ma nel 2011 si sono avvicinati ad avere Barack Obama alla Casa Bianca.

Poi è scoppiato un enorme caos nei mercati finanziari, che ha spinto Standard & Poors ad abbassare il rating di solvibilità del paese.

READ  L'ONU estende per nove mesi la missione ad Haiti