Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corea del Sud e gli Stati Uniti sottolineano la cooperazione per fornire liquidità, se necessario

SEOUL, 2 ottobre (Yonhap) – I principali affari finanziari della Corea del Sud e degli Stati Uniti hanno confermato sabato che i due paesi coopereranno per aumentare le linee di liquidità se la recessione del mercato finanziario globale si intensificherà. Economia e finanza.

Il ministro dell’Economia e delle finanze sudcoreano Cho Kyung-ho e il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen hanno tenuto una telefonata venerdì (ora della Corea) e hanno convenuto che la Corea del Sud ha una forte resilienza agli shock esterni grazie alle abbondanti riserve valutarie e alla liquidità in valuta estera.

I capi delle finanze hanno anche sottolineato che l’economia reale ei mercati finanziari stanno attraversando un’intensa incertezza a causa del ritiro delle politiche monetarie espansive nelle principali economie e della lunga guerra tra Russia e Ucraina.

Il ministero ha dichiarato in una dichiarazione che i due paesi sono pronti a lavorare a stretto contatto per implementare linee di liquidità quando necessario. Ad esempio, nel caso in cui l’instabilità finanziaria sia esacerbata dall’allargamento della crisi di liquidità nelle principali economie, compresa la Corea del Sud.

Il mese scorso, il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol e il suo omologo statunitense Joe Biden hanno deciso di collaborare strettamente per implementare linee di cassa se necessario, quando si sono incontrati brevemente a New York.

L’ufficio presidenziale della Corea del Sud ha affermato che l’accordo di cambio valuta potrebbe essere incluso in queste linee di liquidità.

Il Korean Composite Stock Price Index (KOSPI) venerdì ha raggiunto il livello più basso da oltre due anni e la valuta sudcoreana ha registrato il suo valore più debole rispetto al dollaro USA in più di 13 anni, a causa dei timori di una violenta stretta monetaria da parte degli Stati Uniti Stati. La Fed e le altre banche centrali potrebbero aggravare il rallentamento dell’economia globale.