Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA svilupperà stazioni e altre destinazioni speciali nello spazio

La NASA ha firmato accordi con tre compagnie americane del valore di $ 416 milioni Sviluppare progetti per stazioni spaziali e altre destinazioni speciali nello spazio. Le società selezionate sono Blue Origin per 130 milioni di dollari, Nanoracks LLC per 160 milioni di dollari e Northrop Grumman per 125 milioni di dollari.

In una dichiarazione, la NASA ha spiegato che il suo scopo è “mantenere una presenza americana ininterrotta nell’orbita terrestre bassa spostando la Stazione Spaziale Internazionale su altre piattaforme”. Aggiunge che i fondi assegnati stimoleranno lo sviluppo di un settore della stazione spaziale privata indipendente che sarà disponibile sia per i clienti del settore pubblico che per quelli del settore privato.

“Sulla base delle nostre iniziative di partnership di successo con il settore privato per consegnare merci, e ora i nostri astronauti della NASA, alla Stazione Spaziale Internazionale, la NASA sta ancora una volta aprendo la strada alla commercializzazione delle attività spaziali”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

I fondi concordati sono i primi di un approccio in due fasi per garantire una transizione graduale delle attività dalla Stazione Spaziale Internazionale alle stazioni speciali. Durante questa prima fase, l’industria privata, in coordinamento con la NASA, formulerà e progetterà capacità commerciali per obiettivi in ​​orbita terrestre bassa che si adattino alle potenziali esigenze del governo e del settore privato. La prima fase dovrebbe durare fino al 2025.

Nuove stazioni spaziali in corso

Blue Origin e Sierra Space hanno stretto una partnership per sviluppare Orbital Reef, una stazione spaziale di proprietà e gestione commerciale da costruire in orbita terrestre bassa, che entrerà in funzione nella seconda metà di questo decennio. I membri del team di Orbital Reef includono Boeing, Redwire Space, Genesis Engineering e Arizona State University. L’ingegneria spaziale incentrata sull’uomo di Orbital Reef è progettata come un “complesso commerciale spaziale a uso misto” che fornisce l’infrastruttura essenziale necessaria per supportare tutti i tipi di attività di volo spaziale con equipaggio in orbita terrestre bassa e può essere ampliata per servire nuovi mercati.

READ  Xiaomi Mi Stick 4K: Dolby Vision e Android TV 11 per trasformare la tua vecchia TV in una smart TV | Utensili

La destinazione commerciale in orbita terrestre bassa per Nanoracks, in collaborazione con Voyager Space e Lockheed Martin, si chiama “Starlab”. Starlab dovrebbe essere lanciato nel 2027 in un unico volo come stazione spaziale commerciale con un equipaggio continuo dedicato alla conduzione di ricerche avanzate, alla promozione dell’attività industriale commerciale e alla continua presenza e leadership degli Stati Uniti nell’orbita terrestre bassa. Lo Starlab è progettato per quattro astronauti e avrà l’energia, le dimensioni e la capacità di carico della Stazione Spaziale Internazionale.

Starlab ospiterà il George Washington Carver Science Park con quattro principali divisioni operative: un laboratorio di biologia, un laboratorio di sala macchine, un laboratorio di ricerca di scienze fisiche e dei materiali e un’area di lavoro aperta, per soddisfare le esigenze di ricercatori e clienti commerciali per lo spazio commerciale attività.

La progettazione di Northrop Grumman di una destinazione commerciale standard in orbita terrestre bassa si basa su decenni di esperienza nel supporto della NASA, dei programmi di difesa e commerciali. Il design utilizza elementi testati in volo per fornire un modulo centrale per capacità estese tra cui scienza, turismo, sperimentazione industriale e costruzione di infrastrutture oltre il progetto iniziale.

Il futuro incerto della Stazione Spaziale Internazionale

La stazione spaziale più grande e funzionale fino ad oggi è la Stazione Spaziale Internazionale, gestita dalla NASA e da agenzie partner in tutto il mondo. Dal 2000 è abitata ininterrottamente da astronauti.

Nessuna decisione definitiva è stata presa su quando la Stazione Spaziale Internazionale terminerà le sue operazioni. L’impianto, che ora ha 23 anni, ha avuto di recente problemi come incendi e perdite d’aria. Sono attualmente in corso trattative per prolungare la vita della stazione oltre il 2024.

READ  Free Fire Max: dove scaricare il gioco su PC (Windows e Mac) | app | Google Play | App Store | Scarica | app | Freevere | Messico | Spagna | GIOCO SPORTIVO

lnb