Dal Teatro Umberto parte l’attacco all’amministrazione. Udc e centrodestra insieme per governare la città

A coordinare la serata il giornalista Antonio Cannone. L’ammanco di 23-24 milioni di euro e i quasi 6 milioni di euro di sbilancio di cassa sul patrimonio 2012 è stato ripreso a più voci.
Secondo Ruberto: «Il buco di bilancio e la richiesta Icom rappresentano il dramma di una città portata al dissesto in tutti questi anni di amministrazione Speranza». Sono stati considerati poi i punti del piano strategico: Lamezia città di cultura, dello sport, del turismo, della qualità urbana criticati aspramente punto per punto. Inutili secondo Ruberto le spese d’acquisto del Bastione di Malta, del teatro e cinema Grandinetti, del teatro di Sambiase. Criticate anche le graduatorie degli alloggi popolari che vede tra i primi 100, persone di nazionalità Rom ed extracomunitari.
Secondo Nicotera inoltre: «Edilizia e commercio i due polmoni della città, sono stati entrambi distrutti». Ed ha ironicamente propiziato il sorgere di un CLL comitato di liberazione Lamezia.
Secondo Cristiano «il 16 dicembre con l’approvazione del bi- lancio è stato commesso un fatto di gravità inaudita, sono state approvate aliquote al massimo tale da provocare chiusure di almeno 30 aziende lametine e difficoltà in tante famiglie».
Per Talarico è fondamentale un gioco di squadra per far sì che la città con tutti i suoi talenti e le sue infrastrutture possa essere valorizzata.
Chiappetta ha iniziato con una battuta ironica il suo discorso: «Se avessi saputo che in questo teatro non c’era riscaldamento non sarei venuto». Ha poi voluto esprimere piena solidarietà alle famiglie Scalise e Gallo rispettivamente di Pianopoli e Feroleto Antico, operai edili italiani rapiti in Libia. Ed ha concluso paragonando la situazione che si è creata nella città ad un istituto di credito i cui azionisti sono gli stessi cittadini che in caso di dissesto hanno il diritto di mandare a casa il consiglio di amministrazione ed il suo presidente. (Il quotidiano della Calabria – D.a.r.)
©