La Manovra Tremonti costerà 68 miliardi di euro

ROMA – Dopo le polemiche innalzate dall’opposizione, a seguito dell’inserimento della norma salva Fininvest all’interno della Manovra Economiche ed il clamoroso dietrofront del premier Berlusconi, Napolitano ha autorizzato l’emanazione del decreto. La Manovra Economica costerà 68 miliardi di euro, che impatteranno soltanto per 2 miliardi nell’anno in corso, poi 6 sul 2012, 20 miliardi sul 2013 e i restanti 40 miliardi di euro sul 2014.

L’obiettivo rimane il pareggio di bilancio entro il 2014, un traguardo ambizioso al quale crede il ministro delle Finanze Giulio Tremonti, che fa sapere dell’inserimento nella legge delega di riforma del fisco anche della riforma assistenziale: “per l’anno in corso c’è un’esigenza di correzione, di manutenzione, di 2 miliardi, e sono certo del fatto che l’obiettivo fissato al 3,9% sarà centrato. Nel 2012 c’è un’esigenza di correzione pari a 6 miliardi che si aggiungono a tutto quello che è stato fatto negli anni passati. Per il 2013 il decreto prevede una correzione per 18 miliardi ai quali si aggiungono 2 che devono arrivare dalla delega assistenziale. Per il 2014 la correzione è di 25 miliardi dal decreto legge più 15 dalla delega assistenziale”.

Tremonti assicura che farà guerra ai falsi invalidi e più in generale a chi prende vantaggio dai contributi statali senza però averne effettivamente bisogno. Dal ministro poi apertura verso l’opposizione, verso la quale si dice disponibile ad accogliere proposte positive per il Paese: “chi non ci crede deve avere idee alternative equivalenti e trovare un modo alternativo di copertura”.