MELITO PORTO SALVO (RC): attivismo e passione sociale all’Associaizone Culturale Raffaele Caserta

raffa_400

Il direttivo dell’ Associazione ringrazia veramente di cuore: Stelitano Elisa, Manti Bruna, Kuentz Christine, Pezzimenti Annalisa, Nocera Angelo, Raffaele Pace, Rosaci Fortunato, Toscano Giovanni Pellicone Gaetano, Giuffrè Tony, i loro collaboratori: Zavettieri Francesco e Labazi Michel facenti parte tutti del GAM, questo gruppo meraviglioso di  parrucchieri che hanno dedicato un’intera giornata nel segno della beneficenza e dell’attenzione verso a chi ci sta vicino  e necessita  di un gesto semplice ma umanamente profondo. 
A dare un tocco ancora più importante alla giornata è stata la presenza del personale femminile prima elencato, sia  fra  le operatrici del GAM e le ricoverate presso una struttura melitese.
Le gesta dei colleghi del proprio caro, sono state apprezzate anche dalla signora Marisa Pace, madre di Raffaele, dal fratello Fabio, dalle sorelle che hanno assistito con profonda commozione, con trasporto, ma nello stesso tempo con partecipazione attiva a ciò che Raffaele era solito fare spesso senza che nessuno ne venisse a conoscenza.
La splendida giornata si è chiusa presso la Chiesa della Santissima Trinità di Marina di San Lorenzo dove Don Giovanni Zampaglione ha officiato una Messa con i parrucchieri protagonisti della 2^ giornata di beneficenza, sottolineando l’importanza che la carità, l’aiuto verso coloro che hanno più bisogno anche di un semplice gesto come un taglio di capelli, è di fondamentale importanza agli occhi di colui che ci ha donato la vita e ci ha insegnato ad amare, a perdonare e prenderci cura di coloro che hanno veramente bisogno di attenzione quotidiana e  farlo nel  silenzio,  assume ancor di più un’importanza fondamentale.
L’Associazione Cultura Raffaele Caserta, intitolata alla memoria del giovane Raffaele, deceduto prematuramente nella SS.106 jonica calabrese all’altezza del bivio Roghudi-Arcina, non è nuova a queste iniziative.
L’Associazione, di cui il Sig. Gaetano Pace è Presidente, organizza spesso incontri, dibattiti, iniziative sociali sulla sicurezza stradale o in forma autonoma o con enti ed associazioni di pertinenza.
Riguardo a tale piaga sociale di pregnante delicatezza, è il Vice Presidente, Sig. Carmelo Fedele, che precisa a questa testata: “La SS 106 Jonica continua a mietere vittime. Il bivio di Roghudi, ad esempio, come tanti altri è stato più volte segnalato “dall’Osservatorio per la sicurezza della SS. 106”, perchè privo di qualsiasi sistema di illuminazione. Ma a quanto pare gli enti preposti a fare ciò continuano a non voler capire della pericolosità nonostante il continuo succedersi di incidenti spesso mortali, come è successo al nostro Raffaele e alle altre vittime recentemente scomparse”. Domenico Romeo