Reggio Calabria: operazione antidroga “Mala Erba”

operazione_mala_erba_400

Le articolate indagini, scaturite  dall’approfondimento di notizie acquisite nel corso delle ordinarie attività di controllo del territorio, sono state condotte anche mediante intercettazioni telefoniche che hanno consentito di raccogliere ulteriori elementi di prova a carico dei responsabili.  Lo scenario emerso ha evidenziato una forte ramificazione degli spacciatori sul territorio che prediligevano le sale giochi e le centrali piazze frequentate da giovanissimi acquirenti. Alcuni di questi sono stati addirittura minacciati di gravi ritorsioni per non aver provveduto a saldare, in tempi rapidi, l’acquisto di droga.
Questi i nominativi dei soggetti destinatari dei provvedimenti restrittivi di cui sopra:
– R.F.A. classe 1990;
– T.A., classe 1982;
– B.D., classe 1982;
– C.A., classe 1985;
– N.M.D, classe 1991;
– P.G.M., classe 1989;
– M.R., classe 1987;
– F.D., classe 1987;
– L.M.D., classe 1974.
Stando a quanto emerge dall’ordinanza di cui sopra, di particolare rilievo è il ruolo dell’unica donna coinvolta nell’operazione ( C.A., classe 1985), la quale, sarebbe riuscita a proseguire le attività delittuose del fidanzato già sottoposto ad arresto per medesimi capi d’imputazione, attraverso la realizzazione di abili comportamenti elusivi e linguaggi definiti ‘criptati’, che avrebbero permesso di mantenere una vasta rete di collegamenti ‘clientelari’ in cui si sarebbe concretizzato l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti, in forma stratificata, nel tessuto cittadino. Domenico Romeo