Polemica sul sulla disposizione del dirigente Nistico che prevede di trasferire le cartelle cliniche dall’Ospedale di Lamezia a Girifalco

nicolino-panedigrano_400

Non solo, spiega Panedigrano, ma «un tale trasferimento è anche contrario alle norme tuttora vigenti, come la circolare del Ministero della Sanità che, sebbene datata, è ancora in vigore».
A sentire Panedigrano «il trasferimento da Lamezia delle cartelle cliniche non è purtroppo un atto isolato. Fa seguito alla chiusura del magazzino dell’Economato, che costringe i circa 800 dipendenti del nostro ospedale a doversi rivolgere a Girifalco per la fornitura di ogni materiale di ordinario consumo, quali fogli di carta, guanti, toner per stampanti». A Panedigrano «rimane in bocca una certa asprezza, da questa ennesima vicenda, che ben si declina con le promesse di Mancuso, che all’inizio del suo mandato aveva promesso di trasferire a Lamezia gli uffici direttivi di Soverato e che invece da allora non ha fatto altro che svuotare Lamezia di funzioni per trasferirle altrove nel resto del territorio dell’Asp».
Sulla vicenda intervengono anche i sindacalisti Salvatore Arcieri per Cisl Fp e Antonino Rappoccio per FP Cgil, i quali spiegano che si tratta di un trasferimento «di indubbia validità, considerata la normativa in materia; il dispositivo non risponde ai principi di buon andamento della pubblica amministra•zione; la tenuta e la conseguente consultazione delle cartelle, costituisce aggravio e immotivato dispendio economico, ma soprattutto un grave disagio per gli utenti». I sindacalisti diffidano l’Asp e ne chiedono l’annullamento del provvedimento. (Gazzetta del Sud – Sa. Inc.)

DPR 140 – COSA PREVEDE LA LEGGE

Le disposizioni di legge e le vigenti circolari ministeriali, nello specifico la Circolare n.61 del 19 dicembre 1986, del ministero della Sanità stabiliscono che la documentazione sanitaria va effettuata prima in un archivio corrente, trascorso un quarantennio, in una separata sezione di archivio, istituita dalla struttura sanitaria come prescritto dal Dpr n.140 del 30 giugno 1963.