Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Autorizzare avvocati locali ad aderire alla richiesta di espulsione dall’Italia contro l’esercito cileno

“Ci sono obblighi internazionali che disciplinano solo lo Stato del Cile e la Repubblica italiana.

Il ministro della Corte suprema Angela Vivanko Martinez ha accolto la richiesta degli avvocati Nelson Cacoto e Francisco Pustos di partecipare a un’operazione di espulsione condotta dalla giustizia italiana nei confronti di tre soldati cileni condannati all’ergastolo in Europa. Negli anni ’70, 43 cittadini latinoamericani di origine italiana, tra cui quattro vittime cilene, furono ritenuti responsabili di torture, sparizioni ed esecuzioni.

Di conseguenza, ha affermato la Suprema Corte “Le richieste saranno accolte a causa del processo di approvazione Inserito nel codice di procedura penale Non è espressamente esclusa la partecipazione di terzi interessati. Per altri, il diritto internazionale incoraggia le vittime dei diritti umani a prendere parte attiva a qualsiasi processo giudiziario in qualsiasi momento durante il suo sviluppo.

Caucoto e Bustos hanno chiesto ad aprile alla Corte Suprema di prendere in considerazione l’adesione al processo per conto della figlia di Juan Jos மா Mandigilio Murua, una delle quattro vittime italo-cileni.

Montgilio ha 24 anni, è membro del Partito Socialista e leader della fazione GAP (gli amici personali per la sicurezza del presidente Salvador Allende). Fu trattenuto a La Moneta il giorno del colpo di stato militare e successivamente portato al reggimento Dagna. Fu assassinato il 13 settembre 1973 a Peldehue e tuttora rimane un prigioniero scomparso..

In questo caso, l’ex colonnello Rafael Ahmada Volderrama è stato condannatoIl cui passaggio di consegne è già stato richiesto ed è attualmente in attesa di risoluzione.

Gli ex cileni in uniforme condannati nell’operazione e per i quali sono stati espulsi erano gli ex sottufficiali Orlando Moreno Vasquez e l’ex brigadiere di Tina (Direzione dell’intelligence nazionale), Manuel Vasquez Chauhan.

READ  Italia: Presentano un museo dedicato al regista Federico Fellini

La stessa procedura è ancora pendente per l’ex brigadiere Pedro Espinoza Bravo, Che sta scontando una serie di condanne a Punta Puigo. Ad accompagnarlo ci sono Daniel Aguirre Mora e Carlos Lugo Astrosa, ex governatore in carica e ufficiale della Polizia investigativa (PDI).

“Bisogna fare giustizia per i gravi crimini contro l’umanità”

“Siamo già diventati parte dell’indagine e forniremo tutto il necessario per conformarsi a questa risoluzione richiesta dal governo italiano”, ha promesso Francisco Pustos.

Immediatamente, ha sottolineato l’importanza del verdetto. “Quello che è stato risolto per il nostro cliente è importante perché ci deve essere giustizia per i gravi crimini contro l’umanità. Ci sono obblighi internazionali che limitano le indagini solo alle repubbliche cilena e italiana. La punizione dovrebbe essere proporzionata alla gravità dell’indagine, del permesso e dei fatti “, ha affermato.

Altre vittime italo-cileni coinvolte nel processo furono Omar Roberto Venturelli Lionelli, 31 anni, ex sacerdote e militante del MIR arrestato il 25 settembre 1973; Juan Bosco Mino Canales (27), militante e studente MAPU arrestato il 26 maggio 1976; E Jaime Patricio Donado Aventano (41), membro del Comitato Centrale del Partito Comunista e meccanico elettrico arrestato il 5 maggio 1976.

Nel 1998 un giudice italiano ha iniziato a esaminare il caso Solo 20 anni dopo la Corte Suprema d’Europa ha condannato all’ergastolo i 24 genocidi latinoamericani coinvolti nell’operazione Condor..