Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cancelliere britannico: Israele deve apportare modifiche per quanto riguarda l'ingresso degli aiuti a Gaza

Cancelliere britannico: Israele deve apportare modifiche per quanto riguarda l'ingresso degli aiuti a Gaza

Mercoledì il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha dichiarato di aver esercitato pressioni su Israele affinché aumenti il ​​flusso di aiuti a Gaza, che soffre di una grave crisi umanitaria dopo cinque mesi di guerra.

Le Nazioni Unite avvertono che i civili di Gaza sono sull’orlo della fame a causa della carenza di cibo, acqua, carburante e medicine a causa del blocco imposto da Israele in seguito all’attacco mortale di Hamas del 7 ottobre.

“Non vediamo ancora alcun miglioramento sul campo. La situazione deve cambiare”, ha detto Cameron a Benny Gantz, membro del gabinetto di guerra israeliano, durante un incontro.

Cameron ha scritto sul sito dei social media

Il Cancelliere ha anche comunicato a Gantz che il Regno Unito è “profondamente preoccupato” per un possibile attacco israeliano a Rafah, una città situata nell’estremo sud della Striscia di Gaza dove 1,5 milioni di persone sono ammassate in condizioni deplorevoli.

Pubblicità – Scorri per continuare

Ha aggiunto: “Il Regno Unito sostiene il diritto di Israele a difendersi. Ma in quanto potenza occupante di Gaza, Israele ha la responsabilità legale di garantire che gli aiuti siano forniti ai civili”.

La guerra è scoppiata nella Striscia di Gaza dopo che i combattenti di Hamas hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.160 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio preparato dall'Agence France-Presse basato su dati ufficiali israeliani.

Hanno anche rapito circa 250 persone. Israele ritiene che 99 di loro siano ancora vivi a Gaza e che 31 siano morti.

Pubblicità – Scorri per continuare

Secondo il Ministero della Sanità della Striscia, governato dal Movimento Islamico, l’attacco lanciato in risposta da Israele ha ucciso almeno 30.717 persone a Gaza, la maggior parte delle quali donne e bambini.

READ  Il Gruppo Puebla sostiene la domanda di Caricom in vetta | Notizia

cla/imm/giv/hgs/meb