Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Erano le congas, i primi ibridi creati dagli umani

La scoperta di quattro scheletri del Konga nel sito di Umm Marra in Siria.

Nel sito sono stati scoperti quattro scheletri del Konga Umm el-Marra, Siria.
foto: Glenn Schwartz/Johns Hopkins University.

squadra composta da Genetisti, archeologi e paleontologi ritengono di aver risolto l’identità di un misterioso equino vissuto durante Antigua Mesopotamia. l’Estconga animale, Un incrocio tra un asino e un asino selvatico siriano.

Le conga erano animali Valore e costo della Mesopotamia Fino a sei volte di più Che asini sono questi Erano grandi animali usato prima Re da tirare essi carri da guerra o I suoi carri imperiali, mentre le congas più piccole erano usate in agricoltura. Ma la sua identità regge Molto tempo fa in discussione, come Alcuni ricercatori la pensano così Era semplicemente congas Una specie di asino selvaggio.

Per scoprire la vera identità della conga, i ricercatori ne hanno analizzati alcuni scheletri antichi Li avevamo sepolto In Siria per motivi di studio Il loro materiale genetico e scansiona questosconosciuto su di lui aLa storia evolutiva del genere Equus. le scoperte lo so pubblicato Fine di questa settimana it La scienza avanza.

“Combinazione molto vecchio genomatrattamento durante «L’analisi di questi molto vecchio genoma Bilancia un controversia È molto vecchio e ci sto lavorando il primo cavalli Ibridi Creato da umani, per evidenziare il loro ruolo essenziale nell'”arte della guerra” secoli prima che i primi cavalli domestici arrivassero nella zona”.

Gli animali ibridi sono il risultato dell’allevamento tra specie diverse. La maggior parte degli animali sono sempre sterili (es. muli, a ibrido tra asino e cavallo, o leger, a ibrido tra leone e tigre), il che significa che deve essere allevato deliberatamente Individualmente. Le dimensioni e la velocità delle congas le rendono più utili degli asini tra le nuvole le auto.

Dipinto di 4.500 anni in cui si possono vedere carri trainati da congas.

Dipinto di 4.500 anni in cui si possono vedere carri trainati da congas.
foto: Thierry Grange / IJM / CNRS-Università di Parigi

Il team ha analizzato 25 scheletri di cavalli trovati in un cimitero vicino ad Aleppo A partire dal élite siriana cosa c’è che non va più di 4500 anni. Alcuni animali sembrano essere stati deliberatamente uccisi per la sepoltura. L’analisi dei cavalli ha indicato che queste creature non erano cavalli o asini. Ciò ha portato i ricercatori a credere che potesse essere un animale ibrido. I denti degli scheletri erano consumati, suggerendo che li stessero indossando Pezzi e briglie.

Per certificare l’identità degli scheletri, il team ha confrontato i campioni genetici delle ossa con altri campioni che erano stati scoperti in un sito famoso Archeologico turco Göbekli Tepe e con gli ultimi sopravvissuti di Asini siriani (già morti) conservati nel Museo di Storia Naturale di Vienna.

ilI ricercatori lo hanno scoperto campioni È stato ricevuto in Turchia Li avevamo Della stessa specie degli animali Si formò l’Austria La stirpe paterna degli scheletri in Siria. Asino (E. africano) ne faceva partelignaggio materno misterioso cavalli S Asino selvatico siriano (E. hemionus) ne faceva partestirpe paterna. Più tardi, secondo il team, gli asini selvatici siriani erano più piccoli delle conga Gli asini selvatici sopravvissuti erano discendenti di più piccoli dei primi membri della specie.

“È incredibile vedere come Queste antiche società dominavano Qualcosa di complicato come allevare ibridi, perché era un affare intenzionale: avevano un asino domestico, sapevano che non potevano domare l’asino selvatico siriano e non potevano Hanno addomesticato Ha detto “cavalli”. Jijel . “Così Sviluppare intenzionalmente una strategia per allevare due specie diverse e Da qui la combinazione di Varie proprietà che trovarono desiderabile in ciascuno di questi Specie“.

READ  Il progetto di emendamento del Paraguay all'Accordo sull'istruzione con l'Europa