Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia e Italia sono i paesi più esigenti per i tartufi di Teruel

La Spagna è il principale produttore di tuber melanosporum, seguita da Francia e Italia, che sono anche i maggiori acquirenti di tartufi di teruel. Questo perché hanno una cultura del consumo di tartufo e non ne hanno a sufficienza per rifornire i mercati con i propri prodotti.

La maggior parte del fungo nazionale proviene dal budello del Guder-Javalambre e viene consumato all’estero. Analizzando i dati degli ultimi anni – forniti pubblicamente dal sito web del Segretario di Stato delle statistiche del commercio estero di merci in Spagna, statistiche generate dal Dipartimento delle dogane e delle accise dell’Agenzia delle entrate – si osserva. Il maggior volume di transazioni è con la Francia e l’Italia, che rappresentano l’87,6% di tutte le vendite di Tuber melanosporum effettuate dalle società di Teruel.

L’Italia ha avuto il maggior flusso di commercializzazione del tartufo durante tutto l’anno con un fatturato totale di 4,9 milioni di euro. Alla Francia sono stati venduti funghi per un valore di 4,2 milioni, anche se negli ultimi anni i dati di vendita per il Paese francese sono stati superiori a quelli per l’Italia, forse a causa dell’elevata domanda durante il periodo natalizio, che non è stata presa in considerazione nelle cifre del 2022. Perché vanno solo fino ad agosto.

L’87,6% delle esportazioni di tartufi dalla provincia di Teruel è andato in Francia e in Italia. Tuttavia, sebbene i nostri principali clienti provengano da questi paesi, i tartufi raccolti dai tartufai di Teruel viaggiano anche in posti come la Danimarca. I danesi sono saliti di una posizione quest’anno fino al 2022, piazzandosi al terzo posto in termini di vendite, superando il Regno Unito e la Germania, che si erano piazzati al terzo e quarto posto negli anni precedenti.

READ  Lionel Messi, gioia e lacrime; Italia, ancora un colosso in Europa | Calcio | Gli sport

Covid e America

Al sesto posto c’è il Belgio, seguito dagli Stati Uniti, i cui acquisti sono diminuiti sensibilmente dall’inizio della pandemia. Quindi, nel 2019 gli americani hanno acquistato tartufi per un valore di 735.000 euro, il calo è graduale a partire dal 2020, 150.770 euro nel 2020, 104.000 nel 2021 e poco più di 56.000 inclusi nella campagna di quest’anno (più inclusi qui). 2022-2023).

Campioni di Tuber melanosporum di Teruel sono entrati negli ultimi anni in ristoranti e negozi in Australia, Canada, Hong Kong, Corea del Sud o Giappone, che non acquistavano tartufi di Teruel da prima della pandemia.

Sono clienti anche alcuni territori europei come Norvegia, Svezia, Malta o Portogallo, così come molti dall’Europa dell’Est, tra cui Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria, Slovenia o Croazia.

Alain Ambialet, presidente della Federazione francese dei coltivatori di tartufi, ha spiegato che lo scorso ottobre sono stati consumati 150 tartufi quando ha partecipato all’incontro del Gruppo europeo di tartufi e coltivatori di tartufi (GETT) a Mora e Sarion. Nel paese si producono tonnellate di tartufi, ma solo una cinquantina ne vengono prodotti e il resto viene importato da altri paesi, principalmente dalla Spagna.

Poiché la fauna selvatica è quasi inesistente, si rende conto che la maggior parte dei tartufi si ottiene dai raccolti. Tuttavia, solo pochi dei 5.000 tartufai associati vivono di foraggio, mentre il resto ne ha come integrazione. Ha riconosciuto che i tartufi di Teruel erano commercializzati come Péricourt perché non c’erano differenze organolettiche tra i due.

Dal canto suo, Gianfranco Berni, presidente della Federazione Italiana Produttori Tartufi, ha affermato che in Italia, nonostante si consumino tartufi da secoli, la coltivazione non è molto avanzata e l’80% della produzione proviene da piccoli allevamenti, meno di un ettaro. .

READ  Che cos'è il trading azionario e come fa la svolta nella tua vita?