Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli assistenti vocali possono spiarti

Le cause contro Apple e Google riaprono il dibattito su cosa fanno gli assistenti vocali con le parole che sentono, come le memorizzano e la loro privacy

Ci sono dubbi che non passano mai, e uno di questi è assistenti vocali Ascoltano le conversazioni private dei loro clienti.

Dopo un’indagine del Washington Post nel 2019, è stato rivelato Alexa, l’assistente vocale per Amazon, ha registrato le parole dei suoi utenti a loro insaputa, il sospetto non si è fermato. E proprio questa settimana, un tribunale degli Stati Uniti ha deciso di andare avanti con la causa intentata contro di lei Una mela Il tuo assistente vocale in I phonee siri.

È successo a Oakland, in California (USA). Un tribunale ha intentato una causa contro Apple e il presunto danno finanziario che avrebbe potuto causare ai suoi utenti se si fosse scoperto che Siri li spiava. Ma il resto dell’ordine lo mantiene lo stesso, nonostante il tentativo del produttore di iPhone di fare appello. Il processo dovrà mostrare se Siri sta spiando e registrando le conversazioni dei suoi utenti.

Apple, ovviamente, non è la sola a mantenere aperto questo fronte legale. Infatti, in questo articolo, il Washington Post passa in rassegna le accuse contro gli assistenti vocali di varie tecnologie. Né il processore google browserAd esempio, stai affrontando una richiesta simile.

Alexa è uno degli assistenti vocali sospettati di ascoltare e registrare costantemente

Professore di Informatica e Psicologia da Università di Stanforde Noah GoodmanNel post si afferma che gli assistenti vocali utilizzano una tecnologia progettata per attivarsi quando sentono una parola chiave. Solitamente questa parola chiave è il nome del dispositivo, oppure una parola personalizzata dall’utente. “Siri” o “Alexa” o anche “Ok Google”.

READ  Un nuovo studio del Massachusetts Institute of Technology mostra che il riscaldamento globale sta generando più riscaldamento

Nello specifico, la causa intentata contro Google con l’accusa di un suo assistente che registra le conversazioni degli utenti di dispositivi Android è stata stilata dagli stessi querelanti che hanno combattuto contro Amazon nel 2019 dopo che si è scoperto che Alexa tiene traccia di ciò che ha sentito.

Amazon stessa capisce che Alexa, ad esempio, ascolta per un breve periodo (5 secondi) dopo aver sentito la parola di attivazione (Alexa, o qualunque cosa l’utente scelga). Tuttavia, lo fa ai fini dell’ottimizzazione del dispositivo. Sopra Una mela Si sospetta che non solo registri ciò che sente, ma condivida anche questi dati con terze parti.

Apple, ovviamente, nega Akbar e afferma che ciò che i suoi dispositivi sentono riguarda profili completamente anonimi, non “identificati” in modo “individuale”.

Siri è un altro assistente vocale sospettato di spionaggio

Siri è un altro assistente vocale sospettato di spionaggio

Il produttore di iPhone ha risposto alla causa: “Apple crede che la privacy sia un diritto umano fondamentale e ha progettato Siri in modo che gli utenti possano attivarlo o disattivarlo in qualsiasi momento”. “Non conserviamo le registrazioni per impostazione predefinita e rendiamo facilmente modificabili le tue preferenze sulla privacy”, ha affermato Google.

Tutte le cause legali che si accumulano sugli usi e gli abusi di questi assistenti vocali chiedono alle aziende di spiegare cosa stanno facendo una volta che gli utenti lo sentono e di rendersi conto se lo fanno senza il loro esplicito permesso.

Nicole Ozer È il direttore della tecnologia e delle libertà presso ACLU In California, un’organizzazione americana per i diritti civili. Crede che queste cause siano parte del fatto che le persone “cominciano a capire che Siri non funziona per noi… funziona per Apple”, ha spiegato in una dichiarazione al Washington Post.

READ  Samsung rimuove gli annunci nelle app del telefono Galaxy

Fonte: Business Insider