Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo Biden emette una norma che andrà a vantaggio dei lavoratori indipendenti

Il governo Biden emette una norma che andrà a vantaggio dei lavoratori indipendenti

Martedì l’amministrazione del presidente Joe Biden ha promulgato una nuova regola sul lavoro che cerca di impedire che i lavoratori vengano erroneamente classificati come “appaltatori indipendenti”, una mossa che potrebbe rafforzare le tutele legali e gli stipendi di milioni di dipendenti americani.

La norma del Dipartimento del Lavoro, proposta dal governo 15 mesi fa, sostituisce una norma abrogata durante la presidenza di Donald Trump che declassava i dipendenti ad appaltatori. Questi lavoratori non ricevono la protezione federale del salario minimo né hanno diritto a benefici per i dipendenti, come copertura sanitaria e giorni di malattia retribuiti.

“L’errata classificazione dei dipendenti come appaltatori indipendenti è un problema serio che priva i lavoratori dei diritti e delle tutele fondamentali”, ha affermato il segretario ad interim del lavoro Julie Su. “Questa norma aiuterà a proteggere i lavoratori, soprattutto quelli che corrono un rischio maggiore di sfruttamento, garantendo che siano adeguatamente classificati e ricevano il salario che hanno guadagnato”.

I difensori dei lavoratori hanno sostenuto la norma, sostenendo che i datori di lavoro stanno approfittando sempre più di regole permissive per classificare erroneamente i lavoratori ed evitare di pagare salari e benefici minimi. In un rapporto, l’Economic Policy Institute, di sinistra, afferma che i lavoratori edili, i camionisti, i bidelli, i paesaggisti, le guardie di sicurezza e gli operatori dei call center sono tra le categorie più frequentemente classificate erroneamente. Si stima che i lavoratori edili erroneamente classificati perdano tra $ 10.177 e $ 16.729 all'anno.

I principali gruppi imprenditoriali si sono opposti alla nuova regola, affermando che potrebbe gravare sui datori di lavoro con normative costose e inutili e minacciare la flessibilità di molti lavoratori che vogliono diventare appaltatori. Martedì la Camera di commercio degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione affermando che potrebbe contestare la nuova regola in tribunale.

READ  Intel apre fabbriche di chip per un valore di 20 miliardi di dollari negli Stati Uniti

Tuttavia, le principali piattaforme basate su app hanno espresso la fiducia che la nuova regola non le costringerà a rinominare i loro conducenti autonomi.

“Questa regola non modifica sostanzialmente la legge in base alla quale operiamo e non avrà alcun impatto sulla classificazione di oltre 1 milione di americani che utilizzano Uber per fare soldi in modo flessibile”, ha affermato C.R. Waters, responsabile degli affari federali di Uber.

La Flex Association, un gruppo che rappresenta le principali piattaforme di trasporto e consegna basate su app, ha affermato di non aspettarsi alcun impatto immediato sulla gig economy basata su app. Tuttavia, il gruppo ha affermato che “la nuova guida potrebbe creare una significativa incertezza per milioni di piccoli imprenditori e imprenditori”.