Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telelavoro è già solo per privilegiati: lo dimostra questo studio in Italia

Negli ultimi due anni, a seguito della pandemia, il telelavoro è diventato onnipresente. Buono ora Sembra che siamo sui freni.

Nessuna organizzazione ha preso provvedimenti per mantenerlo. A molti lavoratori non piaceMolti lavori non possono essere svolti da remoto. Un nuovo studio condotto in Italia indica che il paese ha molte somiglianze con la Spagna in questo senso, e indica anche che sta diventando un settore di disuguaglianza piuttosto che altri settori e regioni in cui si verifica. non quello.

Nessuno ricorda tutto ciò che non può essere fatto a distanza?

Il nuovo studio proviene dal Dipartimento di geografia e ambiente della LSE e sottolinea il potenziale del lavoro da casa. Previsioni su Morte Esagerato dall’ufficio.

In particolare, lo studio rivela che le regioni più povere e le piccole e medie imprese sono lasciate indietro dalla rivoluzione digitale del lavoro a distanza.

Questo studio ha analizzato i dati dall’Italia Nel 2020, solo il 12% dei lavoratori poteva lavorare da casa al culmine della pandemia. Ciò contraddice le stime basate sui dati del sondaggio secondo cui il doppio dei lavori può essere svolto da casa.

Il telelavoro è comune élite Hipster

I risultati di questo studio fanno eco a quelli di un’indagine statunitense che ha misurato il telelavoro utilizzando informazioni sulle abitudini di viaggio. Mentre il lavoro da casa è comune nelle grandi città, la percentuale di persone che lavorano da casa risulta essere molto bassa nelle aree meno sviluppate.

Il Professor Riccardo Crescenzi, Docente di Geografia Economica alla LSE e uno degli autori dello studio, Dice Diceva: “Prima di dichiarare morti l’ufficio e le nostre città, i responsabili politici dovrebbero stare attenti a non vedere il mondo attraverso gli occhi delle élite metropolitane di Londra, Milano o Washington. Non tutti lavorano da casa, o potrebbero, anche se lo volessero. “

READ  Interessante incidente ad una manifestazione ciclistica in Italia

Secondo lo studio, Il lavoro a distanza è più comune nelle aziende grandi e altamente produttive. Il 70% delle grandi aziende con 250 o più dipendenti ha almeno un lavoratore in telelavoro durante la chiusura del 2020. Solo l’1% delle aziende con meno di 10 dipendenti ha adottato pratiche di lavoro da casa.

Anche le aziende che consentono ai propri dipendenti di lavorare da casa hanno sede nelle regioni più ricche. Nel Lazio e in Lombardia, dove si trovano rispettivamente Roma e Milano, oltre il 21% dei dipendenti ha potuto lavorare da casa durante il lockdown. Ciò contrasta con meno del 2% dei lavoratori nelle regioni meno sviluppate e più povere del Sud Italia: Calabria, Molise, Puglia e Sicilia.