Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio James Webb scatta la prima immagine diretta di un esopianeta

Questo contenuto è stato pubblicato il 1 settembre 2022 – 16:27

Science Writing, 1 settembre (EFE). Lanciato lo scorso Natale, il James Webb Space Telescope sta affrontando nuovi inizi. Questa volta era la sua prima immagine diretta di un pianeta al di fuori del sistema solare, e l’immagine scelta era HIP 65426 b, un gigante gassoso, e quindi inabitabile.

Questo esopianeta è stato scoperto nel 2017, le sue dimensioni sono comprese tra sei e dodici volte la massa di Giove, e se confrontato con l’età della Terra, 4,5 miliardi di anni, si può dire che è piccolo, tra i 15 e i 20 milioni di anni.

Sebbene sia già stato individuato dal Very Large Telescope del Central European Observatory (ESO) in Cile, le immagini fornite da quattro degli strumenti di James Webb rivelano nuovi dettagli che non possono essere catturati dai telescopi sulla Terra.

Questo è un “momento di trasformazione, non solo per Webb ma per l’astronomia in generale”, ha affermato Sasha Hinckley dell’Università di Exeter, nel Regno Unito, che ha guidato le osservazioni.

Un esopianeta si trova circa cento volte più lontano dalla sua stella ospite dalla Terra che dal Sole, il che consente a entrambi i corpi di essere chiaramente separati dal nuovo telescopio, nato dalla collaborazione di NASA, ESA e Space Canada. Agenzia (CSA).

In ogni immagine, un esopianeta appare come una macchia di luce che ha una forma leggermente diversa, a causa delle caratteristiche del sistema ottico del telescopio e del modo in cui traduce la luce attraverso vari sensori ottici, ha spiegato l’Agenzia spaziale europea in una nota.

READ  La Terra è stata lasciata nell'"oscurità" dopo l'impatto con l'asteroide che ha rovesciato i dinosauri

“Ottenere questa immagine è stato come cercare un tesoro nello spazio”, ha spiegato Irene Carter dell’Università della California, USA, che ha condotto l’analisi delle immagini.

Inizialmente, tutto ciò che poteva vedere era la luce proveniente dalla stella, “ma attraverso un’attenta elaborazione delle immagini, sono stato in grado di rimuoverla e scoprire il pianeta”, ha detto lo scienziato, citando la NASA. Riteneva anche che ci sarebbero state “molte immagini” a venire che avrebbero “modellato la nostra comprensione” della fisica, della chimica e della formazione di esopianeti. EFE

cr/icn

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.