Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Illuminato da fede e fuochi d’artificio a Los Relijos, Isole Canarie

Illuminato da fede e fuochi d’artificio a Los Relijos, Isole Canarie

I confronti sono generalmente ingiusti e alquanto controversi, ma ci sono. I fuochi d’artificio rave nella sua ultima forma e dimensione, il fragore dei fuochi d’artificio, le strade addobbate e il fascino del video mapping, superano le aspettative di

Festa delle Croci e dei Fuochi a Mai los Relijos,

Ogni anno il 3 maggio, questo comune di 5.755 chilometri quadrati, situato a nord di Tenerife, Isole Canarie, diventa il centro europeo di razzi, torce, candele, vigili del fuoco, volanti, scintille, fischi, effetti speciali e cielo coperto in un’ora di qualcosa inimmaginabile.

La cosa più esaltante è che le celebrazioni si svolgono con le risorse dei cittadini, in particolare dei residenti dei due quartieri di Pique, El Sol e Del Medio, e per questo motivo non vengono pubblicate statistiche sui soldi raccolti. La quantità di polvere da sparo da utilizzare o diversi design per questa esplosione è eccessiva, letteralmente detta.

Eppure passa dall’osservanza a livello cattolico alla gioia dei cittadini con un sorprendente comportamento civico. L’alcool si beve, in modo limitato, senza eccessi e il giorno dopo, dopo la notte dei primi fuochi d’artificio, una papada, un pasto annesso a piatti a base di patate oltre che di pesce e palas a conferma del successo della tradizione.

I troni hanno più di 300 viali, cappelle e altari privati, ha detto a Prensa, con drappeggi, ricami e squisite composizioni floreali (orchidee, anthurium, rose giganti…) solo per mantenere i festeggiamenti nel tempo. Latina Agónique Hernandez, del Comitato organizzatore del quartiere El Sol.

Non ci sono giudici o vincitori. Ognuno darà il proprio giudizio alla fine dei fuochi che verranno sparati dalle colline e, in misura minore, dai tetti e dai portici. Alla fine, ricordo dettato dalla religiosità, grande soddisfazione e inizia il conto alla rovescia.

READ  Israele arresta 15 palestinesi mentre i coloni prendono d'assalto un rifugio sicuro

Nata tra il XVII e il XVIII secolo, è una festa di interesse nazionale che ambisce a diventare un evento di rango internazionale, sulla base di una leggenda del Barrio de La Cruz Santa, il luogo in cui si dice sia stato scoperto il Santo Madero nel 1666 .

Un cavaliere cadde da cavallo mentre attraversava la valle del Bajo de la Higa, dopo essere stato frustato per non voler avanzare. Fu allora, quando vide il suo cavallo scavare nel terreno, che guardò una croce di legno, un fatto che portò ai festeggiamenti che misero Los Realejos al centro di croci e fuochi d’artificio nel Vecchio Continente di oggi.

Durante il XVIII secolo, contadini e contadini vivevano in via El Sol e in via Del Medio furono costruite case di lusso per proprietari terrieri. La rivalità tra Montecchi e Capuleti non raggiunse mai il suo apice, anche se ebbe dei momenti salienti.

Oggi, senza leggi o regolamenti speciali, forse il più grande tocco distintivo della Fiesta de las Cruces y los Fuegos de Mayo è la dedizione e la devozione a un momento dell’anno che indubbiamente rende le persone più felici. E i settanta minuti sono pieni di bellezza, con l’immaginare un pennello gigante, capace di tingere il cielo di colori e suoni sfiorando con le dita l’alba (…) fino all’anno successivo.

Presentatore