Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di consentire l’accesso “senza ostacoli” agli aiuti umanitari a Gaza mentre le morti dovute alla fame aumentano nell’enclave palestinese

La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di consentire l’accesso “senza ostacoli” agli aiuti umanitari a Gaza mentre le morti dovute alla fame aumentano nell’enclave palestinese

l'indirizzo29 marzo 2024

La Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di garantire l’accesso “senza ostacoli” agli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza. L’ordinanza, giuridicamente vincolante, è stata emessa su richiesta del Sud Africa, il paese che a gennaio ha presentato un caso di genocidio contro Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia. La Corte ha osservato nella nuova ordinanza che “i palestinesi di Gaza non sono più solo a rischio di fame […]; “Questa carestia è già iniziata.” I giudici della Corte internazionale citano anche dichiarazioni di Nazioni Unite La conclusione è che “almeno 31 persone, tra cui 27 minori, sono già morte per malnutrizione e disidratazione”. Entro un mese, Israele dovrà presentare un rapporto alla Corte internazionale di giustizia spiegando il rispetto dell'ordine.

Nel frattempo, nel nord di Gaza, dove Nazioni Unite Avvertendo che la carestia è “imminente”, l'ospedale Kamal Adwan si prende cura di un numero crescente di neonati e bambini con peso corporeo estremamente basso. Queste sono state le parole dell'infermiera Ahmed Al-Ali.

Ahmed Al-Ali“Abbiamo ricevuto questo caso di malnutrizione circa un'ora fa. Siamo abituati a ricevere casi del genere quotidianamente. Questa bambina soffre di una mancanza di nutrienti nella sua dieta. È chiaro che il suo peso è sproporzionato rispetto alla sua età. Ha due mesi, ma il suo peso non supera i due chilogrammi e presenta qualche frattura. […] Nella mia rotazione in terapia intensiva trattiamo sempre tre o quattro casi di questo tipo, che solitamente peggiorano e portano alla morte.

Il bilancio ufficiale delle vittime a Gaza ha ormai superato i 32.600.