Aprile 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Repubblica Democratica del Congo, la Via Crucis quotidiana per un popolo in guerra dimenticato da tutti

Repubblica Democratica del Congo, la Via Crucis quotidiana per un popolo in guerra dimenticato da tutti

Per mesi, gli intensi combattimenti tra la milizia M23 e l’esercito congolese hanno causato un esodo di massa ignorato dalla comunità internazionale. La preparazione alla Pasqua assume un significato speciale in questo contesto di estrema povertà. Dal campo profughi dove si trova padre Mbara, parroco di Saki, parla di una situazione “terribile” e di una crisi che “va risolta alla radice”.

Olivier Bonnell – Città del Vaticano

Negli ultimi due anni, più di 1,5 milioni di persone nella Repubblica Democratica del Congo sono state costrette ad abbandonare le proprie case a causa degli scontri tra i ribelli del Movimento 23 Marzo (M23), una milizia sostenuta dall’esercito ruandese, e i ribelli congolesi. . L'esercito e le sue forze di supporto. I combattimenti si sono intensificati dall’inizio del 2024. Una nota dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) la riassume come una crisi caratterizzata da una molteplicità di attori armati coinvolti nel conflitto, sfollamenti su larga scala e un numero crescente di persone bisognose di assistenza umanitaria. Alla fine di febbraio. Centinaia di migliaia di civili che hanno abbandonato le loro terre e i loro villaggi vivono ora in campi temporanei, soprattutto vicino a Goma, la capitale del Nord Kivu. Qui si è rifugiato padre Faustin Mbara, parroco della Divina Misericordia a Saki, a circa 20 chilometri di distanza. I ribelli hanno distrutto il prete della sua chiesa. Tuttavia, in questo contesto difficile, i cristiani rurali si preparano a vivere la sofferenza di Cristo con la speranza della risurrezione.

Com'è la vita qui?

Qui vengono organizzate le distribuzioni di cibo, ma poiché ci sono così tanti campi e così tante persone, quel poco che viene distribuito è minimo e insufficiente. I beni vengono distribuiti con l'aiuto del Programma Alimentare Mondiale e di altri attori locali come la Caritas diocesana. Ma la situazione è molto difficile: la gente qui ha perso tutto. Hanno perso le loro case, ma hanno perso anche i loro campi, i loro mezzi minimi di sussistenza. In città i ladri stanno distruggendo le case. Anche il nostro sacerdozio è stato distrutto. Tutto è stato saccheggiato e rubato, anche il cucchiaio più piccolo. Se i rifugiati qui tornassero in patria, dovranno ricominciare da capo.

READ  Il Parlamento vietnamita inizia la sua sesta sessione

Che valore spirituale dai a tutte queste persone questa esperienza?

Dio attraversa la nostra vita attraverso gli avvenimenti di cui leggiamo. È proprio il passaggio di Gesù nella nostra vita che ci chiama al pentimento, alla convivenza e, soprattutto, all'umiltà. In questo Venerdì Santo vediamo la morte di Gesù Cristo per questo popolo. Ma queste persone hanno bisogno di essere incoraggiate dalla parola di Dio e dalla predicazione, affinché non perdano la fede. Ciò che sperimentano oggi le popolazioni della RDC orientale sono anche le Via Crucis. Ogni venerdì veniamo qui al campo a fare la Via Crucis e diciamo loro che stiamo percorrendo la Via Crucis e per questo dobbiamo prendere questa sofferenza e unirla alla sofferenza di Gesù.

Cosa significa prepararsi alla Pasqua in questo contesto di guerra?

L’insicurezza persiste nella nostra regione da più di trent’anni. Sono sacerdote dal 2001. Questa è una cosa che vivo quasi ogni anno. Ma quest’anno la situazione è particolarmente grave: le persone fuggono e abbandonano i loro greggi. Ci sono altri sacerdoti che, nonostante tutto, restano nelle loro parrocchie. Ma tutto ciò che accade è una crisi dimenticata. Nessuno è così preoccupato per la situazione qui in Oriente come lo è per quella a Gaza o in Ucraina.

Cosa possono aspettarsi le persone con cui lavori dal messaggio di Pasqua?

Aspettano un messaggio di consolazione, un messaggio di vittoria. Dico alle persone con cui entro in contatto che questa sofferenza sarà temporanea e che un giorno la supereremo, così come Cristo ha vinto la morte. Se dobbiamo risolvere la crisi, risolviamola alla radice, così da poter vivere in pace.

READ  Il Nicaragua sfida il contratto dell'OAS contro la sua sovranità