martedì, Giugno 25, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Un requisito derivato, fondamentale

è valutato come Ci sono circa 80 milioni di discendenti italiani nel mondo.. A causa di varie circostanze, persone e famiglie che hanno portato la loro eredità e tradizioni per stabilirsi in altri paesi e il governo italiano cercano di riunirsi nell’ambito delle celebrazioni. Un anno di radici italiane nel mondoLo chiamavano 2024

(Ti potrebbe interessare anche: Sei di origine italiana? Questi sono i benefici che puoi richiedere per trasferirti in Italia)

Nel tentativo di riunire i discendenti degli italiani con le loro radici, The Ambasciata Italiana in Colombia Consegnato questa settimana ROOTS Progetto di Promozione Turistica, Italia, Si propone di migliorare i servizi turistici affinché chi è interessato a conoscere la propria città natale nel Paese europeo possa viaggiare facilmente, grazie al lavoro di una fitta squadra di professionisti che si prende cura di loro in ogni regione d’Italia.

Luigi Maria Vignali, Direttore Generale degli Affari Diplomatici, Ministero degli Affari Esteri italiano

Foto:Milton Diaz/El Tiempo

In questo modo gli italiani all’estero e i loro discendenti potranno accedere al cosiddetto programma fedeltà Carta Italia, che ti permetterà di ottenere sconti su alberghi, ristoranti, trasporti e altri servizi, oltre a consigli sulla ricerca genealogica familiare. Ho parlato con EL TIEMPO Luigi Maria Vignali, Direttore Generale degli Affari Diplomatici, Ministero degli Affari Esteri italianoA proposito di questo progetto che spera di rafforzare i legami con la comunità italiana in Colombia.

Perché è nato Progetto Italia?

Ci sono circa 80 milioni di discendenti italiani nel mondo. È importante che si ricolleghino alle proprie origini e mantengano un legame con il nostro Paese, la sua cultura, le sue tradizioni e ciò che l’Italia può offrire agli italiani all’estero. Ecco perché ti invitiamo a visitare l’Italia. Le mete turistiche tradizionali non sono le grandi città d’arte, ma piccoli centri dove restano forti le loro vere radici, le tradizioni culturali italiane. È in questi piccoli centri che gli italiani all’estero possono vivere un viaggio emozionale dritto al cuore.

Quali sono gli obiettivi di questa iniziativa?

Questo per mantenere un forte legame tra l’Italia e le comunità di italiani all’estero. Essere italiani non significa avere il passaporto italiano, non si tratta solo di amare l’Italia, ma di comprenderne appieno la cultura e le tradizioni. Per capirne la cultura bisogna andare in Italia, soprattutto nei luoghi di nascita degli antenati che partirono da lì per venire in Colombia.

Secondo obiettivo Promuovere l’eccellenza dell’Italia in termini di cultura, cucina, folklore e patrimonio musicale, il meglio che l’Italia ha da offrire. Il terzo obiettivo è rivitalizzare i piccoli centri che in Italia soffrono lo spopolamento e che possono trovare nuova vita grazie ai turisti italiani provenienti dall’estero.

Qual è la comunità italiana che vive in Colombia?

Gli italiani in Colombia sono una delle comunità più dinamiche e attive che ho visitato nel mondo e in America Latina. Sono impressionato dal grande grado di integrazione degli italiani in questo Paese e dal successo che hanno ottenuto in vari campi. Emoziona gli italiani, ma è motivo della grande accoglienza del popolo colombiano. In questi giorni ho incontrato tanti rappresentanti italiani della comunità e di diversi settori, e quello che ha attirato la mia attenzione rispetto ad altri è stato il sorriso degli italiani in Colombia. Hanno una visione positiva del futuro, propongono, si preoccupano, cambiano davvero, come ho detto.

Italia

Foto:iStock

quanti

Gli italiani in Colombia ufficialmente sono più di 30mila, ma si stima che ce ne debbano essere altri che ne regolano lo status consolare, quindi potrebbero essere circa 35mila. Non ci aspettiamo che tutti vengano in Italia per visitare il roots tour del nostro Paese, ma ci rivolgiamo in particolare alle generazioni più giovani. Ecco perché vogliamo diffondere questo progetto tra tanti studenti di origine italiana, a partire dalle scuole di Bogotà, in Colombia.

La Colombia può diventare un modello per altre comunità di turismo radicale, per questo abbiamo scelto un importante testimone di origine italiana residente in questo Paese, Nestor Lorenzo, allenatore della Nazionale di calcio. Ha già intrapreso il viaggio di Roots e può testimoniare quanto fosse emozionato e coinvolto dall’esperienza.

Che tipo di supporto viene offerto alle persone che accedono al programma?

Abbiamo creato un sito chiamato Italea.com. Da lì puoi creare un itinerario personalizzato e decidere dove e cosa vedere e sperimentare in Italia. Su questa piattaforma puoi scaricare quello che io chiamo Root Passport, Italia Card. Una card che ti offre tanti vantaggi e sconti. Abbiamo già collegato più di 400 aziende per questo in Italia, il che porterà vantaggi agli italiani che ci visitano.

Che tipo di sconti sono riservati ai partecipanti?

Abbiamo sconti su ospitalità, ristoranti e viaggi. Ad esempio, abbiamo una convenzione con le Ferrovie dello Stato Italiane per chi vuole viaggiare attraverso l’Italia. Abbiamo previsto anche degli sconti in alcuni negozi. Poi un’importante facilitazione con le Poste Italiane per chi volesse portare in Colombia i prodotti italiani, sia gastronomici che artigianali.

Come fai a sapere se hai origini italiane?

Bene, dipende dalle storie familiari e da ciò che ognuno sa della propria famiglia. Ma da questo sito Italia inseriamo anche il supporto dei genealogisti per aiutarti a ricostruire il tuo albero genealogico e capire da dove vieni. In questo modo puoi scoprire da quale regione provieni e pianificare il tuo viaggio fino alle radici.

Come accedere a questo consiglio?

Sul sito Italea.com. È molto semplice da usare ed è suddiviso in venti minisiti regionali, uno per ogni regione italiana.

Quanto costa viaggiare in Italia?

Viaggiare in Italia non è economico a causa della lontananza della Colombia, ma restare in Italia, soprattutto nelle città più piccole, non è costoso. La vita in Italia è molto cara, soprattutto nelle grandi città, ma nelle città è molto abbordabile, anche in termini di costi. Come la Colombia, immagino.

A Piazza Navona, Roma.

Foto:Jetcast/Comunicazione aperta

È un’iniziativa permanente o solo quest’anno?

Il 2024 è l’anno del Roots Tourism e quindi è in quest’anno che dedicheremo la maggior parte dei nostri sforzi. Ma è chiaro che il nostro obiettivo è renderlo un impegno permanente. Non tutti gli italiani potranno effettuare il viaggio nel 2024. Vogliamo invece che ritornino nei prossimi anni, quindi cercheremo di mantenere tutti gli sforzi compiuti, compresi i vantaggi che abbiamo già indicato.

Alejandra Lopez Piazze
Editoriale di viaggio
@malelopezpl

READ  Gerben Thijssen guarda con impazienza al Giro d'Italia: "Quest'anno il livello sarà incredibilmente alto"
Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles