Maggio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La rivista Verde Olivo festeggia 65 anni › Cultura › Granma

La rivista Verde Olivo festeggia 65 anni › Cultura › Granma

Fondata da Fidel, Raúl, Camilo e il Che, la rivista Verde Olivo, organo di stampa ufficiale delle Forze Armate Rivoluzionarie, celebra il suo 65° anniversario. Dalla pubblicazione del suo primo numero il 10 aprile 1959 sotto forma di giornale popolare, fino ai giorni nostri ha diffuso le tradizioni nazionali, militari e internazionali della Rivoluzione cubana.

Verde Olivo Editore presenterà nel corso dell’anno diverse pubblicazioni speciali, in onore di questo importante anniversario. A disposizione dei lettori, in forma fisica e sul sito web, è la rivista intitolata 65 anni con la Rivoluzione. Ciò riunisce alcuni degli aspetti più influenti che si sono verificati durante sette periodi chiave della sua storia.

Comprende interviste ai fondatori, ai direttori, ai corrispondenti di guerra e ai vincitori della stampa nazionale, testimoni diretti della storia della rivoluzione e dell’editoria nelle sue diverse fasi.

Oltre alle fotografie degli intervistati sono esposti anche fondi documentari come fotografie, copertine rappresentative e il primo numero della rivista, conservati grazie all’impegno del personale dell’archivio della casa editrice Verde Olivo. Per il loro eccezionale lavoro nel facilitare la pubblicazione della storia, sono onorati anche in questa edizione.

Una delle testimonianze che dà lustro a queste pagine è quella del giornalista e ricercatore Eduardo Blas Yacels. Oltre ad essere uno dei fondatori della rivista, fu corrispondente di guerra a Girón, nella lotta contro i banditi e nella crisi dell’ottobre 1962. Accompagnò la delegazione cubana guidata dal comandante in capo Fidel Castro Ruz e partecipò alla conferenza. Riunione dei non allineati in Algeria nel 1973, tra le altre missioni.

Più che i suoi aneddoti, ha raccontato alla rivista il rapporto di Guerrillero Heroico con la testata, nella quale, sotto lo pseudonimo di El Francotirador, scriveva instancabilmente di politica internazionale e articoli dedicati all’addestramento militare, tra gli altri argomenti.

READ  Discussione del Centro per la Scienza e l'Ambiente all'evento delle Nazioni Unite

“Aveva l’abitudine di registrare ogni giorno con cura le sue osservazioni nel suo diario personale nella Sierra Maestra. La stragrande maggioranza di queste note apparvero inizialmente nel febbraio 1961 come documenti nella rivista, ed erano generalmente conosciute con il titolo collettivo “Sezioni della nostra guerra rivoluzionaria”.

Ha anche commentato che il Che, prima di pubblicare le sue opere, “ha riunito molti combattenti nel suo ufficio, lì alla Banca Centrale, per ottenere tutti i resoconti degli eventi, dove ha detto che era in un angolo e doveva raccontare loro tutto una volta è stato recensito da tutti, è stato pubblicato”.

Storie di guerra dell’Angola raccontate dai suoi eroi e dall’accoglienza del pubblico Juana Carrasco, vincitrice del Premio Nazionale di Giornalismo Jose Martí per il Lavoro di una Vita, ha parlato con Ferde Olivo di queste storie e di molte altre. Ha aggiunto: “Abbiamo cercato di riflettere, con colori realistici, la vita dei soldati, dei membri della milizia e dei soldati di riserva…”

Ha notato in particolare come la rivista abbia vissuto il periodo speciale in tempo di pace, che ha costretto la stampa militare a chiudere le sue pagine. Ma era calma perché aveva fiducia nella promessa fatta dal generale dell’esercito Raúl Castro: “La sua voce profonda, ferma e chiara, piena di ottimismo, risuona ancora nelle mie orecchie. Era anche il suo impegno, preso nel rispetto della nuova era, ma garantito per arrivare a questo 65° anniversario: Usciremo ancora.

Ecco come è successo. Nel giugno 2007 la rivista rinasce. Da allora ha attraversato un processo di crescita e sviluppo, fino al passaggio alle piattaforme virtuali nel 2020.

READ  Guerra Ucraina-Russia, oggi in diretta last minute: Havrilov fissa una data per la fine della guerra

Per 65 anni, la rivista e tutto il suo team sono stati fedeli soldati delle idee, vivendo momenti gloriosi della nostra storia. Grazie a un linguaggio semplice e diretto, accompagnato da una visione evocativa, riesce a interessare i lettori di tutte le età alla vita di un’istituzione sempre più armata.

Dopo questo viaggio nel tempo, l’edizione speciale, 65 anni con la Rivoluzione, culmina nelle parole dell’attuale direttore, il colonnello (destro) Roque Ernesto Garrio Andreu:

“Essere Direttore della Verde Olivo Editrice rappresenta, oltre ad un grandissimo onore, un forte impegno alla guida delle FAR, all’eccellenza dei fondatori della casa editrice e a tutte le generazioni di rivoluzionari che hanno creato e costruito il suo corpo di lavoro.